lunedì 15 febbraio 2016

Frammenti di... UNA LETTERA DAL PASSATO di Ehrlich.



Qualche breve passaggio tratto dal libro in lettura UNA LETTERA DAL PASSATO di Ehrlich.

"...intorno a lei si avvolsero due braccia, braccia ancora nude e bagnate dopo la doccia, e la guancia di George sulla sua. Sentiva il profumo buono e pulito del dopobarba sulla faccia, e il lieve sentore della schiuma da barba, e in tutto questo il profumo di lui, ed era delizioso. La strinse da dietro e disse:
«Cosa guardi?»
«Il paradiso», rispose.
«Un po’ piccolo per essere il paradiso, non trovi? Poco più di un ettaro e mezzo.»
«Mi basta così.»
Le chiese perché, e lei rispose: «Perché è nostro. Vorrei avere braccia abbastanza lunghe per abbracciarlo tutto»."




"Una casa sa davvero parlare di un uomo, se è l’uomo che si ama! Parlano di lui le cose che indossa, e che tocca, e che ama, gli oggetti che gli appartengono. La sua presenza riempie quelle stanze. C’è il suo respiro, il suo odore, la sua presenza; una presenza che aleggia costante. Perché, se l’uomo che ami è sempre nei tuoi occhi, quale stanza è veramente vuota quando lui se n’è andato?"



Nessun commento:

Posta un commento

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Si è verificato un errore nel gadget

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...