venerdì 26 febbraio 2016

Recensione film: "Sopravvissuto - The Martian" di Ridley Scott



Sopravvissuto - The Martian, basato sul romanzo L'uomo di Marte del 2011 di Andy Weir, racconta come l'astronauta Mark Watney (interpretato da Matt Damon), erroneamente creduto morto dai suoi compagni di equipaggio a causa di un’emergenza e lasciato su Marte, abbia lottato per la propria sopravvivenza, prima che qualcuno alla Nasa scoprisse non solo che era vivo, ma più di tutto come fare per riportarlo a casa.



Candidature agli Oscar 2016:
  • Candidato per il miglior film a Simon Kinberg, Ridley Scott, Michael Schaefer, Aditya Sood, Mark Huffam
  • Candidato per il miglior attore protagonista a Matt Damon
  • Candidato per la migliore sceneggiatura non originale a Drew Goddard
  • Candidato per la miglior scenografia a Arthur Max and Celia Bobak
  • Candidato per i migliori effetti speciali Chris Lawrence, Anders Langlands, Richard Stammers e Steven Warner
  • Candidato per il miglior sonoro a Oliver Tarney
  • Candidato per il miglior montaggio sonoro a Paul Massey, Mark Taylor e Mac Ruth

Regia: Ridley Scott

Cast: Matt Damon, Jessica Chastain, Kate Mara, Kristen Wiig, Sebastian Stan, Sean Bean, Mackenzie Davis, Jeff Daniels, Michael Peña.





L'equipaggio dell'Ares 3 si trova nella zona di Acidalia Planitia quando, a causa di una violenta tempesta di sabbia su Marte, è costretto ad abbandonare la base e ripartire per tornare sulla Terra; l'astronauta Mark Watney, colpito da alcuni detriti della tempesta, rimane separato dalla squadra e viene dato per morto.

Rimasto solo, con ben poche risorse per poter contattare la NASA e rivelare che è sopravvissuto, Watney deve tirar fuori tutto il proprio ingegno, le proprie competenze (è un ingegnere meccanico e botanico) e la propria voglia di vivere per adattarsi a questa realtà "extraterrestre" , senza sapere poi se oggettivamente ci sia una concreta possibilità di riportarlo sulla Terra.

Tanto per iniziare, Mark capisce che non può farsi prendere dallo scoraggiamento - che sarebbe assolutamente legittimo e naturale - ma che ciò che conta per lui è attivarsi per sopravvivere, così escogita un modo per produrre acqua e coltivare patate, concimandole con le feci.
Una cosa sa: che la prossima missione sul pianeta rosso è prevista da lì a 4 anni e lui deve cercare di non morire prima...!
Intanto, mentre si tiene impegnato con queste attività, si filma raccontando le proprie giornate e ascolta l'orrenda musica a disposizione.

E sulla Terra?
La NASA continua a monitorare il pianeta attraverso i satelliti in orbita, rendendosi conto che Watney è sopravvissuto; non solo, ma l'uomo riesce a trovare il modo per comunicare con la NASA tramite una fotocamera e successivamente riesce addirittura a stabilire una chat.
Se a Mark è richiesto di far di tutto - pure mangiare meno di quanto già non mangi - per non morire, a chi è quaggiù è richiesto di fare davvero il possibile per riportare indietro il povero "marziano", ingegnandosi al meglio.
Ce la farà la NASA ad aiutare Mark a rimettere piede sul pianeta Terra?

Seguiamo l'avventura doppiamente singolare di Mark (doppiamente perchè davvero particolare ed unica nel suo genere, ma anche perchè vissuta davvero singolarmente, cioè da solo) e ne avvertiamo la drammaticità, ma non in modo pesante e opprimente, come io mi ero immaginata.
Nel senso...:  trovarsi completamente soli su Marte non è propriamente una passeggiata, e per quanto uno possa essere addestrato per andare nello spazio (e per quanto metta in conto, all'atto di voler fare questa professione e di partecipare a queste missioni, che qualcosa può andare storto), vivere una situazione del genere a me metterebbe una grande ansia, accompagnata da paura e disperazione.

Mark prova sicuramente questi stati d'animo, ma ha un tale spirito di volontà da riuscire a non soccombere ad essi, piuttosto prende in mano la situazione, chiamando all'appello tutta la propria intelligenza e ogni sua capacità per fare di quel pianeta deserto e inospitale "la propria casa"; temporanea - lui spera - ma comunque la propria casa per un tot di tempo...

Per quanto questo film di fantascienza  si presenti come quindi drammatico, non mancano diverse sequenze simpatiche, divertenti, in cui a sorridere e a fare dell'ironia è lo stesso Mark.
Forse l'uomo non ha paura di morire ed è convinto che verranno a salvarlo?
Assolutamente no! La sua è solo una speranza, altro che certezza. 

Mark tira avanti con la speranza che i terrestri, con i quali comunica quotidianamente, si attivino per dargli una mano, ma intanto che aspetta che ciò accada, l'unica àncora di salvezza è se stesso -  le proprie mani, il proprio cervello, il proprio cuore.

Io non amo alla follia il genere fantascientifico, anche se per molti versi ne sono affascinata; e magari non sono l'unica, perchè lo spazio, le galassie, l'universo in tutta la sua immensità, credo affascinino tutti gli uomini, in ogni luogo e tempo; l'idea di raccontare come potrebbe ipoteticamente vivere e sopravvivere un terrestre sul pianeta rosso, solo con se stesso e con addosso la paura di restarci e morirci, è sicuramente intrigante, incuriosisce, e fino alla fine si sta lì col fiato sospeso sperando che la vacanza su Marte abbia fine per Mark, che sarà pure in fantastico e tecnologico Robinson Crusoe dei giorni nostri, ma a tutto c'è un limite...!

Insomma, il film è bello, sa un po' di "americanata" (consentitemi il termine) ma va bene così, è fantascienza, e su questo gli americani son sempre stati preparatissimi ^_^

Non so cosa accadrà la notte degli Oscar, ma se devo dirvi la mia, tra Damon e Leo, continuo a tifare per il secondo!! ;)


E VOI, COSA NE PENSATE?

2 commenti:

  1. Voglio vedere il film ed anche prendere il libro, mi ispira tantissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il film merita senz'altro e chi ha letto il libro ne è rimasto entusiasta! :)))

      Elimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Si è verificato un errore nel gadget

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...