giovedì 31 marzo 2016

EPIGRAFE (da "Mior" di Simon Rowd)



Tornata dal mio weekend senza Adsl, ho trovato a casa una doppia gradita sorpresa, tutta da scartare: un uovo di cioccolata Perugina e un pacchettino, contenente un romanzo che uscirà il 5 aprile e che ho iniziato immediatamente a leggere: MIOR, il seguito di Drow, i primi due capitoli della trilogia fantasy-paranormal-romance di Simon Rowd.








Ma passiamo alle due citazioni riportate dall'Autore e che introducono la storia narrata:


"Conosco l'ira che ti spinge, irrefrenabile,
strangola il dolore al punto che la memoria
dei tuoi cari non è che veleno nelle tue vene,
finché un giorno desideri che quelle persone
tanto amate non siano mai esistite,
per poter smettere di soffrire."

Henri Ducard, Batman Begins


"E' solo dopo aver perso tutto
che siamo liberi di fare qualsiasi cosa."

Tyler Durden, Fight Club

Il significato del termine epigrafe al quale mi rifaccio è quello dato dalla Treccani.it
"Iscrizione in fronte a un libro o scritto qualsiasi, per dedica o ricordo; più particolarm.,
citazione di un passo d’autore o di opera illustre che si pone in testa
a uno scritto per confermare con parole autorevoli quanto si sta per dire
ANCHE IL LIBRO CHE STATE LEGGENDO VOI 
HA UNA CITAZIONE INTRODUTTIVA O UNA BELLA DEDICA



Nessun commento:

Posta un commento

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...