sabato 7 giugno 2014

Dietro le pagine: THE GOOD NURSE



Ecco il libro di cui oggi vedremo i "retroscena"...!
Non mi pare sia stato pubblicato in italiano.


THE GOOD NURSE
di Charles Graeber

14889679
,

Trama

Dopo il suo arresto nel dicembre 2003, l'infermiere Charlie Cullen fu subito soprannominato "L'angelo della morte" da parte dei media. 
Eppure Cullen non era un killer senza pietà, né era un semplice mostro. 
Era un figlio prediletto, un buon marito, un padre amato, il migliore amico, e un elogiato infermiere. Implicato nella morte di ben 300 pazienti, è stato forse il serial killer più prolifico nella storia americana.

La carriera omicida di Cullen, nella professione più rinomata al mondo, attraversa sedici anni e nove ospedali in tutta New Jersey e Pennsylvania. 
Quando nel marzo del 2006, Charles Cullen è stato condannato, sembrava certo che i terribili segreti della sua vita, la carriera e la cattura sarebbero scomparsi con lui. 
Ora, dopo quasi dieci anni di lavoro, il giornalista Carlo Graeber presenta tutta la storia per la prima volta. Sulla base di centinaia di pagine di inediti dati dalla polizia, interviste, registrazioni e videocassette, così come le conversazioni con Cullen stesso, conosciamo la storia degli omicidi di questo killer...




Ciò che leggiamo spesso è frutto della fantasia dell'Autore ma altre volte quest'ultimo trae ispirazione da storie/situazioni/persone reali, di cui ha avuto conoscenza diretta o indiretta.

La rubrica "Dietro le pagine" prende nome e idea da una presente nel blog "Itching for books" e cercherà di rispondere (cercherò di darle una cadenza settimanale, sempre in base alle piccole ricerchine che riuscirò a fare) a questa curiosità: Cosa si nasconde dietro le pagine di un libro? Qual è stata la fonte di ispirazione?".


Charles Cullen (nato nel 1960) era il più giovane di otto figli (due sue fratelli sono morti giovani) di una famiglia molto cattolica.
Cullen ha descritto la sua infanzia come infelice. 
In primo luogo ha tentato il suicidio all'età di 9 anni con sostanze chimiche e questo sarebbe solo il primo di venti tentativi di suicidio. Più tardi, lavorando come infermiere, Cullen rubò anche droga dall'ospedale dove lavorava e la utilizzò per provare a suicidarsi.
Quando Cullen aveva 17 anni, la madre morì in un incidente automobilistico; devastato dalla morte della madre, Cullen abbandonò la scuola superiore e si arruolò nella Marina degli Stati Uniti nel 1978, che dovette lasciare quando tentò di togliersi la vita nel 1984.
E intanto già mostrava segni di instabilità mentale.
Dopo aver lasciato la Marina, Cullen si seguì una scuola di infermieristica e trovò un lavoro al San Barnaba Medical Center di Livingston, New Jersey, nel 1987. Nello stesso anno sposò Adrienne Taub. La coppia ebbe due figlie.

Cullen commise il suo primo omicidio l'11 giugno 1988. Il giudice John W. Yengo Sr. era stato ricoverato al Centro Medico San Barnaba. Soffriva di una reazione allergica ad un farmaco per fluidificare il sangue e Cullen gli somministrò una dose letale di farmaco per via endovenosa. 
Ammise di aver ucciso 11 pazienti al San Barnaba, tra cui un malato di Aids che è morto dopo aver ricevuto una dose eccessiva di insulina. 
Nel 1992 trovò un lavoro al Warren Hospital di Phillipsburg, New Jersey, e lì uccise tre donne anziane, provocando loro overdose da farmaco per il cuore. 

Nel gennaio 1993, Adrienne Cullen presentò istanza di divorzio, insieme a due denunce di violenza domestica contro di lei. 
Le carte del divorzio raffigurano Cullen come un alcolizzato, uno squilibrato che abusava di animali e poi li chiudeva nei sacchi e li gettavaiein bidoni della spazzatura, che versava liquido infiammabile nelle bevande di altre persone. 
Cullen era però riuscito ad ottenere la custodia divisa con la moglie delle sue figlie e si trasferì in un appartamento seminterrato su Shafer Avenue a Phillipsburg.

Le condizioni mentali di Cullen intanto andavano peggiorando. 
Nel marzo del 1993, fece irruzione nella casa di una sua collega di lavoro mentre lei e il suo giovane figlio dormivano, ma se ne andò senza svegliarli; cominciò lo stalking verso di loro, con telefonate sempre più frequenti e seguendo la donna mentre andava al lavoro. La donna sporse denuncia e Cullen fu dichiarato colpevole di violazione di domicilio e fu posto in libertà vigilata per un anno. 

Ma nel dicembre del 1993 fu assunto al Hunterdon Medical Center di Raritan Township, New Jersey, e lavorò nell'unità di terapia intensiva cardiaca per tre anni. 
Durante i suoi primi due anni, Cullen afferma di non aver ucciso nessuno, ma i registri ospedalieri di quei due anni erano già stati distrutti al momento del suo arresto nel 2003, impedendo qualsiasi indagine nei suoi confronti. Tuttavia, Cullen ha ammesso di aver ucciso cinque pazienti nei primi nove mesi del 1996 attraverso la digossina.

Cullen diventò un infermiere a tutti gli effetti con tanto di licenza in Pennsylvania nel 1994 e nell'ottobre del 1997 si presentò al pronto soccorso dell'ospedale Warren e richiese un trattamento per la depressione. Fu ammesso in una struttura psichiatrica, ma fu rilasciato poco tempo dopo. Il suo trattamento non aveva migliorato la sua salute mentale e i vicini di casa dissero averlo visto inseguire i gatti per la strada nel cuore della notte, urlando o parlando da solo.

Ha lavorato presso il Center di Allentown, presso l'Easton Hospital di Easton, contnuando a mietere vittime.

Cullen ha continuato a trovare lavoro e durante la sua permanenza alla Lehigh Valley Hospital, Cullen uccise un paziente e tentò di ucciderne un altro.

Nell'aprile 1999 iniziò a lavorare presso l'Ospedale San Luca a Bethlehem, Pennsylvania, nel reparto di terapia cardiaca; in quel periodo di tre anni, uccise cinque pazienti, e tentò di ucciderne altri due.

Nel gennaio 2000, Cullen tentò ancora il suicidio. Mise una griglia a carbone nella sua vasca da bagno, l'accese e pensò che il gas di monossido di carbonio l'avrebbe ucciso, ma i vicini di casa  chiamarono i vigili del fuoco e la polizia. Cullen fu portato in un ospedale psichiatrico, ma tornò a casa il giorno seguente.

Nessuno sospettò che Cullen avesse ucciso pazienti presso l'Ospedale S. Luca fino a quando un collega, casualmente, trovò flaconi di farmaci inutilizzati in un bidone dei rifiuti. 
Un'indagine mostrò che Cullen aveva preso il farmaco e fu licenziato nel giugno 2002.

Dopo le testimonianze di alcuni ex colleghi, furono avviate delle indagini, ma gli investigatori non guardarono al passato Cullen, e il caso fu abbandonato nove mesi dopo per mancanza di prove.

Così l'uomo ha continuato inspiegabilmente a lavorare per un breve periodo presso l'Ospedale Sacro Cuore di Allentown, ma non andava d'accordo con i suoi collaboratori e se ne andò.
.

Nel settembre 2002, Cullen ha trovato un lavoro al Somerset Medical Center a Somerville, nel New Jersey, in una unità di terapia intensiva. In quegli anni la sua depressione peggiorò, anche se lui aveva cominciato a frequentare una donna del posto. Cullen in quell'ospedale uccise otto pazienti e in più tentò di ucciderne un altro. Ancora una volta, i suoi farmaci preferiti sono stati digossina e insulina.

Il 18 giugno 2003, Cullen ha tentato di uccidere Filippo Gregor, un paziente a Somerset, ma questi fortunatamente è sopravvissuto ed è stato dimesso.

Ma la fortuna di Cullen si stava esaurendo. I sistemi informatici dell'ospedale dimostrarono che Cullen non aveva l'accesso ad alcuni pazienti, da lui invece visitati. Tramite il computer i suoi colleghi lo avevano visto nelle stanze dei pazienti, ai quali forniva medicinali non prescritti dal normale personale medico.

Il direttore esecutivo del New Jersey aveva messo in guardia il Somerset Medical nel luglio 2003, perchè secondo le indagini almeno quattro delle cinque overdose sospette indicavano la possibilità che un dipendente stesse uccidendo i pazienti. Ma l'ospedale rimandò indietro le autorità che vennero ricontattate nel mese di ottobre. Da allora, Cullen aveva ucciso altri cinque pazienti.

Cullen è stato arrestato nel e l'uomo ammise l'omicidio di Gallo Rev e il tentato omicidio di Jin Kyung Han, che erano pazienti a Somerset.

Nell'aprile 2004, Cullen si è dichiarato colpevole in un tribunale del New Jersey per aver ucciso 13 pazienti e per il tentativo di uccidere altri due con una iniezione letale, mentre era infermiere presso il Somerset. In fase di patteggiamento, promise di cooperare con le autorità, si dichiarò colpevole per svariati omicidi.
A partire dal luglio 2005, Cullen rimase nel carcere di contea di Somerset nel New Jersey, mentre le autorità hanno continuato a studiare la possibilità del suo coinvolgimento in altre morti.
Cullen sta attualmente scontando una condanna a vita in prigione senza condizionale per 30 anni. Il 2 marzo 2006, Cullen è stato condannato a 11 ergastoli nel New Jersey (che significa per 397 anni), per poi riceverne altre 18 davanti al giudice Platt (Lehigh County, Pennsylvania).

2 commenti:

  1. E' inquietante leggere un libro così forte, sapendo che è ispirato a fatti reali. Tu l'hai letto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti dirò..: io di solito ho molto interesse verso le storie vere e ho letto libri "forti" che mi sono rimasti impressi (tipo 3096, il libro di natascha kampusch) quindi questo credo che lo leggerei
      però no, non essendoci l'edizione italiana, ancora non ho avuto modo di leggerlo; in inglese sarei troppo lenta, ahimè O.o

      Elimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...