giovedì 18 settembre 2014

Recensione: "Pyramisia" di Dean Lucas



Buongiorno!!!
Primo post della giornata, prima di pensare a cucinare!

Pyramisia è il secondo libro della bellissima trilogia di Dean Lucas, di cui ho letto e recensito Aegyptiaca.

LIBRO I: AEGYPTIACA - I PRESCELTI DEGLI DEI (fine Marzo 2013)
LIBRO II: PYRAMISIA - I SIGILLI DELL’APOCALISSE (Giugno 2014)
LIBRO III: AETERNA - BATTAGLIA PER L’UMANITA’ (2015)

PYRAMISIA 
di Dean Lucas

Alcheringa edizioni
Collana: Le Rose del Deserto
Copertina: Ascanio Malgarini
336 pp
12.60 euro
Giugno 2014
Trama

Mentre le Delicate annunciano l’imminente catastrofe, Gavri’el si prepara ad affrontare l’avversario più temibile: se stesso.
Chi è davvero l’Araldo? A chi è destinata la terrificante spada he brandisce?

In un Egitto sconvolto da rivolte e carestie, in balia di falsi profeti e spietati conquistatori, la Sfinge sta per dare alla luce il dio atteso da tremila anni.

A molte leghe di distanza, nella mezzaluna fertile tra il Tigri e l’Eufrate, il regno di Sargon è minacciato dai Gutei e da un nemico ancora più letale.
Ma quando il momento decisivo si avvicina e la vita di ogni protagonista sembra in pericolo, una donna è in grado di cambiare il destino dell’umanità.
A lei spetta la scelta finale.
Cosa vuol dire amare qualcuno più di se stessi?





il mio pensiero

Ritroviamo in questo secondo appuntamento i protagonisti del primo libro e ci immergiamo sin dalle prime battute nell'atmosfera antica e magica che fa da sfondo al prosieguo delle avventure incredibili e pericolose che ancora attendono Gavri'el (che ha scoperto di essere l'Araldo e di avere un compito importantissimo), la giovane moglie Tary, la bellissima ed immortale Sfinge-Leonessa di Giza e, accanto a loro, l'immancabile simpaticissimo "povero piccolo Babu", con i suoi saggi proverbi, e le Delicate che hanno giurato di proteggere l'Araldo a qualsiasi costo, Misha e Shani.

Non perderemo di vista il re accadico Sargon, sempre addolorato per aver perduto l'unica ragione della sua vita, la sua amata Delphi, sacrificatasi pur di portare a termine la missione alla quale era suo malgrado destinata e salvare così i suoi amici. 

Le avventure, come dicevo, non sono finite e proseguono a suon di colpi di scena che via via rivelano nuove e sconcertanti identità sui alcuni dei nostri protagonisti: arrivare alla consapevolezza di chi si è di cosa si è chiamati a fare non sarà semplice, ma resterà comunque un processo obbligato, tanto per il coraggioso e a volte dubbioso Gravri'el, quanto per la bella e audace Delicata Misha.

Image du Blog confinianima.centerblog.net
,
Ma non mancheranno novità anche per la bellissima dea, la Sfinge, che finalmente avrà il privilegio di conoscere quel sentimento che fa perdere la testa ai Figli dell'Uomo e questo la sconvolgerà: l'amore! Certo, il suo caratterino e la sua personalità forte e sicura non andranno via, ma in lei comincerà anche a rivelarsi anche un lato più dolce, se vogliamo, più femminile.

Per quanto la trama del primo come del secondo libro sia complessa e ricca di particolari e personaggi, essa non risulta mai confusa, e questo sia per il linguaggio - sempre accurato, chiaro, preciso, adeguato al contesto e al genere, molto scorrevole -, sia per i personaggi che vivono in questa storia, ognuno ben tratteggiato, di cui comprendiamo i pensieri, i sentimenti, le paure, ma anche la malvagità, l'avidità, la sete di potere per quanto concerne quelli "negativi".

Tutto il contesto - l'antico Egitto, i riferimenti alla creazione, ecc... -  è carico di suggestività, è affascinante, raccontato in modo sublime, come se ci trovassimo all'interno di un grande sogno, in cui non riusciamo a non sentirci coinvolti da ciò che "vediamo", perchè i sentimenti e le emozioni che la narrazione suscita nel lettore sono tanti e forti.

Le sequenze descrittive sono presenti in modo equilibrato rispetto a quelle narrative e alle parti più "intimistiche" (riflessive), così che ad ogni cambio/ritorno di scena il lettore riesce a "raccapezzarsi" a riprendere il filo del discorso, a comprendere anzi sempre meglio ciò che sta accadendo, intuendo significati e correlazioni tra i fatti e i personaggi.
Questi ultimi ci appaiono sempre così vicini, così intensi da creare un grande interesse attorno a loro e a ciò che li riguarda; i momenti di battaglia sono narrati anch'essi in modo scorrevole, senza mai risultare pesanti o noiosi, tutt'altro; c'è molto spazio per l'amore, per i sentimenti di lealtà, amicizia, coraggio, senso di responsabilità verso i propri compiti (anche quando non li si capisce subito e appieno, anche quando non li si vorrebbe accettare), la capacità di sacrificarsi per gli altri, e questo rende anche i personaggi "divini" molto umani, con le stesse passioni e gli stessi dolori di ciascun essere umano.

Pyramisia è avventura, è fantasia, è mitologia (mista a riferimenti biblici e apocalittici), è una ricca e bellissima storia costellata da vendette, tradimenti, profezie che devono adempiersi, è una storia d'amore e d'amicizia, che ha i suoi momenti drammatici come anche quelli più "leggeri", ironici e divertenti (adoro Babu, è ufficiale!); è un mondo lontanissimo eppure vicino, che rapisce, incanta, incuriosisce il lettore, donandogli avventure ed emozioni in modo accattivante e convincente.

Vorrei poter trovare altre e più efficaci parole per esprimervi il mio entusiasmo per questi primi due libri di Dean Lucas (che ringrazio per avermi dato modo di leggerli) e ve ne consiglio assolutamente la lettura! Sono certa che vi piaceranno!!

Nessun commento:

Posta un commento

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...