domenica 14 settembre 2014

Frammenti da "Il corpo" (Stephen King)



Un altro pezzetto di "Il corpo", da cui è stato tratto il bel film di Rob Reiner con River Phoenix, "Stand by me".

"Si allontanò, sempre ridendo, muovendosi con agilità e con grazia (...)
Come se non avesse il minimo pensiero al mondo, come se se ne stesse
andando in un gran bel posto invece che solo a casa, in una casa 
(una baracca, sarebbe più vicino alla verità) 
di tre stanze senza servizi e con le finestre rotte coperte di plastica 
e un fratello che probabilmente lo stava aspettando nel cortile davanti. 
Anche se avessi saputo la cosa giusta da dire, probabilmente non avrei potuto dirla. 
I discorsi distruggono le funzioni dell'amore
credo — è un bel casino per uno scrittore dire una cosa del
genere, penso, ma sono sicuro che è così.
(...) La parola è danno. (...) 
L'amore ha i denti; i denti mordono; i morsi non guariscono mai. 
Nessuna parola, nessuna combinazione di parole, 
può chiudere quelle ferite d'amore. 
È tutto il contrario, questo è il bello. Se quelle
ferite si asciugano, le parole muoiono con loro. Credetemi pure. 
Io mi sono fatto una vita con le parole, e so che è così."







Nessun commento:

Posta un commento

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...