martedì 16 febbraio 2016

"Siamo tutti commediografi o drammaturghi" (Una lettera dal passato)



Un altro pezzettino tratto da UNA LETTERA DAL PASSATO, che condivido con voi perchè descrive alla perfezione qualcosa che a me capita spessissimo: i film mentali.
Sì, mi riferisco al fatto che, quando mi trovo  in situazioni particolarmente complicate e che coinvolgono altre persone, stia ore a macerarmi il cervello immaginando dialoghi e situazioni ipotetiche, sperando così di poter mettere in conto tutti i possibili scenari, le soluzioni, le reazioni delle altre persone coinvolte... e non restare impreparata davanti all'imprevisto.


Un macello praticamente... Ma sono lieta di constatare che non sono mica l'unica matta che si fa 'sti film nella testa, immaginando veri e propria botta e risposta con immaginari interlocutori, che non sempre mi salvano dai tanto temuti imprevisti.... ^_^


Così, Martha fece mentalmente le prove dell’incontro imminente con George. Quanti di noi fanno la stessa cosa? Quanti di noi partecipano a una riunione importante, o intrattengono una conversazione, prima ancora che avvenga? Di solito, lo facciamo quando siamo incerti sull’esito. O quando desideriamo ardentemente qualcosa. O quando dobbiamo opporre resistenza ai desideri dell’altra persona.
Immaginiamo cosa diremo noi, e ci figuriamo le battute del nostro interlocutore al momento giusto. In questo senso, siamo tutti commediografi o drammaturghi, in un momento o l’altro della vita.
Costruiamo un’intera scena in anticipo, come in un’opera teatrale, o in una sceneggiatura, o in un apparato scenico. Ci mettiamo il colore e il paesaggio che la scena richiede. Il nostro protagonista lo conosciamo già, e gli scriviamo persino le battute. Prima, lui dirà quello. Poi, io gli risponderò questo. E se ribatte con quella idea, io controbatterò con questa. L’opera è già stata scritta. Le prove sono filate lisce. Non c’è nulla che possa andare storto, sarà sicuramente un successo.
Ma questo genere di rappresentazione si attiene alla sceneggiatura solo raramente. Perché il nostro interlocutore non ha partecipato alla sua stesura. Non ha fatto le prove come si deve. Con penosa riluttanza si astiene dal pronunciare le battute che gli abbiamo scritto. Non ci stupiamo sempre quando si rifiuta di seguire il copione? Non proviamo un po’ di risentimento? E il risultato qual è? Dobbiamo buttare il vecchio copione e scriverne immediatamente uno nuovo. Dobbiamo improvvisare. Dobbiamo creare un nuovo dramma, scrivere nuovi dialoghi. Perché è questo lo specifico di ogni conversazione.
Non si può mai scrivere completamente in anticipo, prima che sia pronunciata.

Nessun commento:

Posta un commento

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...