venerdì 26 febbraio 2016

Recensione film: "Sopravvissuto - The Martian" di Ridley Scott



Sopravvissuto - The Martian, basato sul romanzo L'uomo di Marte del 2011 di Andy Weir, racconta come l'astronauta Mark Watney (interpretato da Matt Damon), erroneamente creduto morto dai suoi compagni di equipaggio a causa di un’emergenza e lasciato su Marte, abbia lottato per la propria sopravvivenza, prima che qualcuno alla Nasa scoprisse non solo che era vivo, ma più di tutto come fare per riportarlo a casa.



Candidature agli Oscar 2016:
  • Candidato per il miglior film a Simon Kinberg, Ridley Scott, Michael Schaefer, Aditya Sood, Mark Huffam
  • Candidato per il miglior attore protagonista a Matt Damon
  • Candidato per la migliore sceneggiatura non originale a Drew Goddard
  • Candidato per la miglior scenografia a Arthur Max and Celia Bobak
  • Candidato per i migliori effetti speciali Chris Lawrence, Anders Langlands, Richard Stammers e Steven Warner
  • Candidato per il miglior sonoro a Oliver Tarney
  • Candidato per il miglior montaggio sonoro a Paul Massey, Mark Taylor e Mac Ruth

Regia: Ridley Scott

Cast: Matt Damon, Jessica Chastain, Kate Mara, Kristen Wiig, Sebastian Stan, Sean Bean, Mackenzie Davis, Jeff Daniels, Michael Peña.





L'equipaggio dell'Ares 3 si trova nella zona di Acidalia Planitia quando, a causa di una violenta tempesta di sabbia su Marte, è costretto ad abbandonare la base e ripartire per tornare sulla Terra; l'astronauta Mark Watney, colpito da alcuni detriti della tempesta, rimane separato dalla squadra e viene dato per morto.

Rimasto solo, con ben poche risorse per poter contattare la NASA e rivelare che è sopravvissuto, Watney deve tirar fuori tutto il proprio ingegno, le proprie competenze (è un ingegnere meccanico e botanico) e la propria voglia di vivere per adattarsi a questa realtà "extraterrestre" , senza sapere poi se oggettivamente ci sia una concreta possibilità di riportarlo sulla Terra.

Tanto per iniziare, Mark capisce che non può farsi prendere dallo scoraggiamento - che sarebbe assolutamente legittimo e naturale - ma che ciò che conta per lui è attivarsi per sopravvivere, così escogita un modo per produrre acqua e coltivare patate, concimandole con le feci.
Una cosa sa: che la prossima missione sul pianeta rosso è prevista da lì a 4 anni e lui deve cercare di non morire prima...!
Intanto, mentre si tiene impegnato con queste attività, si filma raccontando le proprie giornate e ascolta l'orrenda musica a disposizione.

E sulla Terra?
La NASA continua a monitorare il pianeta attraverso i satelliti in orbita, rendendosi conto che Watney è sopravvissuto; non solo, ma l'uomo riesce a trovare il modo per comunicare con la NASA tramite una fotocamera e successivamente riesce addirittura a stabilire una chat.
Se a Mark è richiesto di far di tutto - pure mangiare meno di quanto già non mangi - per non morire, a chi è quaggiù è richiesto di fare davvero il possibile per riportare indietro il povero "marziano", ingegnandosi al meglio.
Ce la farà la NASA ad aiutare Mark a rimettere piede sul pianeta Terra?

Seguiamo l'avventura doppiamente singolare di Mark (doppiamente perchè davvero particolare ed unica nel suo genere, ma anche perchè vissuta davvero singolarmente, cioè da solo) e ne avvertiamo la drammaticità, ma non in modo pesante e opprimente, come io mi ero immaginata.
Nel senso...:  trovarsi completamente soli su Marte non è propriamente una passeggiata, e per quanto uno possa essere addestrato per andare nello spazio (e per quanto metta in conto, all'atto di voler fare questa professione e di partecipare a queste missioni, che qualcosa può andare storto), vivere una situazione del genere a me metterebbe una grande ansia, accompagnata da paura e disperazione.

Mark prova sicuramente questi stati d'animo, ma ha un tale spirito di volontà da riuscire a non soccombere ad essi, piuttosto prende in mano la situazione, chiamando all'appello tutta la propria intelligenza e ogni sua capacità per fare di quel pianeta deserto e inospitale "la propria casa"; temporanea - lui spera - ma comunque la propria casa per un tot di tempo...

Per quanto questo film di fantascienza  si presenti come quindi drammatico, non mancano diverse sequenze simpatiche, divertenti, in cui a sorridere e a fare dell'ironia è lo stesso Mark.
Forse l'uomo non ha paura di morire ed è convinto che verranno a salvarlo?
Assolutamente no! La sua è solo una speranza, altro che certezza. 

Mark tira avanti con la speranza che i terrestri, con i quali comunica quotidianamente, si attivino per dargli una mano, ma intanto che aspetta che ciò accada, l'unica àncora di salvezza è se stesso -  le proprie mani, il proprio cervello, il proprio cuore.

Io non amo alla follia il genere fantascientifico, anche se per molti versi ne sono affascinata; e magari non sono l'unica, perchè lo spazio, le galassie, l'universo in tutta la sua immensità, credo affascinino tutti gli uomini, in ogni luogo e tempo; l'idea di raccontare come potrebbe ipoteticamente vivere e sopravvivere un terrestre sul pianeta rosso, solo con se stesso e con addosso la paura di restarci e morirci, è sicuramente intrigante, incuriosisce, e fino alla fine si sta lì col fiato sospeso sperando che la vacanza su Marte abbia fine per Mark, che sarà pure in fantastico e tecnologico Robinson Crusoe dei giorni nostri, ma a tutto c'è un limite...!

Insomma, il film è bello, sa un po' di "americanata" (consentitemi il termine) ma va bene così, è fantascienza, e su questo gli americani son sempre stati preparatissimi ^_^

Non so cosa accadrà la notte degli Oscar, ma se devo dirvi la mia, tra Damon e Leo, continuo a tifare per il secondo!! ;)


E VOI, COSA NE PENSATE?

2 commenti:

  1. Voglio vedere il film ed anche prendere il libro, mi ispira tantissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il film merita senz'altro e chi ha letto il libro ne è rimasto entusiasta! :)))

      Elimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...