venerdì 22 aprile 2016

Recensione: PAMELA NUBILE di Carlo Goldoni



Una lettura veloce ma molto carina, che mi ha parzialmente riconciliata con un la storia contenuta in un romanzo di metà Settecento che, quando lo lessi anni fa, non mi aveva affatto entusiasmata, anzi....
Il romanzo in questione era un classico prolisso e non proprio vivace intitolato "Pamela o la virtù ricompensata" di Richardson (RECENSIONE); la lettura veloce che vi presento in questi momenti è invece la commedia ispirata a questo librone ed è decisamente più piacevole:


PAMELA NUBILE
di Carlo Goldoni


Biblioteca Salani
L'Ulivo
138 pp
1951
Il romanzo di Richardson vide la luce nel 1740 e da subito Goldoni fu spronato dagli amici a trarne una commedia che, come precisa Enrico Bianchi nella prefazione all'opera, ha in realtà più i caratteri del dramma in quanto tratta i sentimenti e gli affetti in modo serio, senza però ignorare l'aspetto comico, soprattutto grazie all'inserimento di personaggi stravaganti e vivaci.

Pamela nubile fu recitata a Mantova per la prima volta nel 1750 ed ebbe un grandissimo successo.



"Apprenda il mondo che la virtù non perisce: ch'ella combatte e si affanna; ma finalmente abbatte, vince e gloriosamente trionfa".


La trama è presto detta: Pamela è la giovanissima cameriera personale di una nobildonna inglese che le voleva un gran bene; prima di morire, l'anziana ottiene dal figlio, Bonfil, la promessa di continuare a tenere a servizio la ragazza e di trattarla con tutta la benevolenza e il rispetto che merita. Pamela è una giovanetta tanto bella quanto buona, pura, innocente, educata e obbediente; chiunque la conosca non può che volerle bene; le si è affezionata la governante madama Jevre, il maggiordomo Longman, e lo stesso milord Bonfil.
Con la morte dell'anziana signora, si pone però un problema etico non indifferente: è giusto e decoroso che una ragazzina nubile , in età da marito e peraltro bella, continui a lavorare in casa di un giovanotto aitante e scapolo?
Giovanotto che, tra l'altro, ha messo gli occhi su Pamela e non ha nessuna reticenza a dimostrare, in presenza di amici e servitori, tutto l'ardore della propria passione per la bella cameriera. Passione che, diciamo, Pamela ricambia, almeno a livello sentimentale, essendo lei sinceramente innamorata del padrone.


Ma Bonfil cosa prova per lei? Solo passione vòlta a soddisfare un capriccio temporaneo o le vuol davvero bene tanto da essere capace di andar contro ogni convenzione sociale pur di vivere il proprio amore con e per la bella e casta Pamela? Pamela saprà resistere al proprio cuore e alle insistenze egoistiche del giovane padrone, mantenendo intatta la propria purezza e il proprio decoro?


La commedia è divisa in tre atti in cui intervengono di volta in volta diversi (non troppi) personaggi, tra cui la sorella di milord Bonfil, terrorizzata all'idea che suo fratello possa dare concretezza al proprio invaghimento per una cameriera di umilissimi origini e, cosciente di come questo risulterebbe oltremodo sconveniente agli occhi della società londinese, farà di tutto per sottrarre Pamela dalle mani del fratello, anche ricorrendo alle seduzioni di un suo nipote, il cavaliere Ernold, un tipo fin troppo bizzarro e sfrontato che darà un tocco di "pepe" e stravaganza alla storia. Goldoni ci lascia entrare brevemente nella società di metà Settecento, a Londra, in cui il peso dei costumi, dell'etichetta e delle convenzioni sociali-morali può condizionare la vita di un gentiluomo che si scopre innamorato di una donna che non è decisamente un buon partito. Il punto è: saprà andare oltre queste imposizioni non scritte (e quindi non "obbligatorie") ma comunque dominanti nell'ambito del ceto sociale d'appartenenza?

Il Bonfil di Goldoni è per la maggior parte del tempo irritante, arrogante, nervoso ed egoista quanto il Belfort di Richardson, ma rispetto a lui ci appare senz'altro più ragionevole e meno "dispettoso"; la stessa Pamela è meno piagnona e pesante, per quanto mantenga saldi i propri principi di purezza e onestà.

Una commedia che, come dicevo, non ci dona personaggi grotteschi, dalla personalità esageratamente buffa e dal tono spiccatamente spiritoso, bensì essi, i loro pensieri e sentimenti ci vengono presentati con un tono equilibrato e posato, senza con questo perdere il colore lievemente ironico e quella leggerezza (anche nel dare un "insegnamento" morale alla fine) che una commedia deve possedere.



Che ne pensate? Avete letto questa o altre opere di Goldoni?
Di solito leggete questo genere letterario?



READING CHALLENGE
12. Un libro - testo teatrale

2 commenti:

  1. Ciao Angela, in passato di Goldoni avevo letto "La locandiera": era stata una lettura scolastica, ma mi era piaciuta molto, anche se ero rimasta un po' delusa per il finale! La storia di Pamela la conosco, un po' per aver seguito "Elisa di Rivombrosa" e un po' per averla studiata in letteratura inglese. Non ricordavo che Goldoni, tra le sue numerosissime opere, avesse rielaborato anche questa vicenda! Di solito non leggo testi teatrali, però quando mi capita di farlo lo faccio con lo stesso spirito con il quale affronto la lettura di un romanzo: non credo alla superiorità di un genere rispetto a un altro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La locandiera la ricordo anche io per via della scuola e anche a me era piaciuta!!
      Circa i testi teatrali, ammetto che non rientrano tra le mie letture abituali, ma non mi nego la possibilità di conoscerli, perchè ce ne sono di belli. In passato ho letto più che altro Shakespeare :)

      Elimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...