domenica 17 aprile 2016

Recensione: NOI SIAMO INFINITO di Stephen Chbosky (romanzo)



Finalmente sono tornata al mio pc e alla mia ADSL!
Come state, lettori? Avete letto in questo weekend?
Io abbastanza e ho un paio di recensioni da condividere con voi.

Noi siamo infinito racchiude le esperienze di un adolescente nell'arco di un anno, un anno che si rivelerà forse uno dei più importanti della sua vita perchè avrà modo di crescere, di conoscere meglio se stesso, affrontando ricordi dolorosi che rischiavano di fargli del male.

NOI SIAMO INFINITO 
di Stephen Chbosky

NOI SIAMO INFINITO
Ed. Sperling&Kupfer
Charlie è un adolescente 15enne in procinto di entrare alle scuole superiori.

È il 23 agosto 1991 quando invia la sua prima lettera al “caro amico”, un ragazzo di cui non dirà mai il nome (lo stesso nome Charlie in realtà è uno pseudonimo, e sono fittizi anche gli altri nomi citati nelle lettere) ma che lui reputa essere comprensivo e non superficiale, capace di ascoltare senza giudicare, che è ciò di cui il nostro giovanotto ha più bisogno.

Apprendiamo subito che c’è stato un evento spiacevole che sta turbando molto Charlie: il suicidio di un suo coetaneo e amico, Michael; Charlie ne parla con tristezza mista a confusione, come se non sapesse bene cosa sia giusto provare e dire in casi drammatici come questi; lui nella sua breve vita ha già vissuto una perdita, significativa e a lui molto vicina, cioè la morte della sua zia preferita, Helen, sorella della mamma, con cui c’era un rapporto speciale e la cui morte ha costituito un momento shock per il ragazzo, tanto da finire in analisi e da condizionarne lo sviluppo del carattere.

Charlie è infatti un ragazzo tendenzialmente molto triste e malinconico, dolce, genuino, estremamente sensibile e gentile, che scoppia a piangere all'improvviso per commozione o dispiacere ovunque si trovi e con chiunque sia; ha una famiglia “normale” alle spalle: i genitori, comprensivi ma autorevoli, il fratello maggiore, che va al college ed è un asso nel football, e la sorella, la cui preoccupazione principale sembrano essere i ragazzi.

È un tipo molto riflessivo, Charlie, anzi pure troppo, secondo il prof. Bill, che l’ha preso a cuore e non solo gli consiglia un sacco di bei libri da leggere, ma cerca anche di aiutarlo a partecipare di più alla vita sociale, ad uscire dalla sua timidezza.
Charlie, infatti, sembra essere più spettatore che protagonista della propria vita, guardando quest’ultima “dal di fuori” ed infatti chi lo conosce lo giudica semplicemente “un ragazzo da parete”, di quelli che fanno da “tappezzeria” ad una festa, che dove li lasci là li trovi.

Ma un giorno a scuola Charlie fa amicizia con un tipo simpatico, soprannominato “Niente” ma che si chiama Patrick, e con sua sorella Sam, una ragazza dagli occhi verdi molto carina.
Grazie a loro, Charlie verrà introdotto in una sorta di cricca di ragazzi un po’ più grandi che gli faranno fare esperienze “particolari”, a partire dalla droga (hashish, LSD).
E se da una parte queste frequentazioni lo aiuteranno ad integrarsi nelle amicizie di Patrick e Sam, dall’altra non potranno che contribuire ancora di più ad alienarlo dalla realtà.

Eppure, in compagnia di questi due amici, in certi momenti in cui è solo con loro, in macchina, con la musica ad alto volume, Charlie prova un senso di libertà e di leggerezza che gli toglie ogni tristezza, lo fa sentire accettato e capito; lo fa sentire INFINITO, insieme a due persone alle quali vuol bene.

A dire il vero, per Sam pian piano prova un sentimento più forte dell’amicizia, ma si rende conto che lei lo vede solo come un ragazzino, un amico, e Charlie si rassegnerà ad essere solo questo per Sam, e a guardare da lontano le sue storie, cercando di dimenticarla magari con qualche altra….

Il fatto che Charlie si sforzi di essere sempre cortese e carino con tutti e in ogni occasione (anche quando in realtà non ne avrebbe voglia) non è sempre un bene per lui, perché lo porta a reprimere i propri reali sentimenti, a star zitto quando avrebbe voglia di parlare, a dire sì quando vorrebbe dire no, a sorridere quando avrebbe voglia di urlare, a star fermo quando invece dovrebbe darsi una mossa e prendere l’iniziativa per diventare attivo protagonista della propria esistenza.

Charlie non è affatto stupido ma si sente trattato come tale e spesso si chiede “Cosa c’è che non va in me?”, e desidererebbe scomparire per smettere di aver voglia di piangere:

“Non so se hai mai desiderato addormentarti, per svegliarti solo mille anni dopo. Non so se hai mai pensato che vorresti non essere al mondo; o non renderti conto di essere vivo. O qualcosa del genere. Credo che sia un’idea morbosa ma è esattamente così che succede a me, in questi momenti. Ecco perché sto cercando di non pensare. Voglio solo che ogni cosa smetta di girare”.

Durante la lettura capita anche al lettore di chiedersi: Ma, Charlie, cosa c’è che non va? Cosa c’è che ti turba, che ti rattrista, che ti spinge ad essere sempre così accomodante verso tutti?

E un motivo c’è: un segreto che Charlie non è in grado di svelarci perché non lo ricorda, perché il suo inconscio lo ha relegato in un cantuccio della sua mente, ma che adesso pretende di riaffiorare; Charlie dovrà affrontarlo e sarà per lui o la rottura definitiva di un equilibrio già precario o la possibilità di rinascita.

È un romanzo che si presenta sotto forma di lettere, che somigliano un po’ alle pagine di un diario, in cui Charlie versa sulla carta tutto ciò che è nel suo cuore, senza vergogna e senza veli, con la schiettezza che gli è propria, mostrandoci paure, desideri, confusione, crucci propri della sua età.

Emerge il ritratto - che fa ora sorridere ora commuovere  - di un adolescente che si sta formando, che ha bisogno di trovare il proprio posto nel mondo, che desidera con tutto se stesso essere accolto e compreso ma che ancora non sa come fare perché ciò accada.

Charlie deve imparare a non avere paura di essere se stesso, di dire ciò che pensa, di fare ciò che si sente, e il fatto di mettere per iscritto ciò che ha dentro (rivolgendosi a un’altra persona ma forse prima di tutto a se stesso) sarà per lui importantissimo perché lo aiuterà a sfogarsi, a non perdere il filo dei propri pensieri, a tirar fuori ciò che lo schiaccia prima che sia troppo tardi.

È una lettura che ci introduce nel mondo di un ragazzo speciale che sta attraversando la fase più delicata dell’esistenza, e arriva al lettore per la sua immediatezza, per la freschezza e la spontaneità del linguaggio, mostrandoci un angolo della realtà quotidiana di un adolescente le cui giornate ruotano attorno alla scuola, agli amici, ai problemi di cuore, alla famiglia, e che ha le preoccupazioni e le speranze tipiche dell’età; hanno una loro importanza anche la lettura e la musica, due veicoli che permettono a Charlie di riflettere su se stesso e di interagire con gli altri.

Lo consiglio soprattutto ad un pubblico di lettori giovane (ma non solo, certo) e voglio assolutamente guardare l’omonimo film ^_-

14. Un libro che parli di amicizia

6 commenti:

  1. Lo possiedo, ma da quando ho visto il film mi è passata la voglia di leggerlo :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si? a me invece hanno consegnato anche il film! vedremo ^_^

      Elimina
  2. Ho visto questo libro in molte librerie, ma non mi ha mai attirato, un po' perchè di solito mi piace leggere storie con protagonisti della mia età o un po' più grandi e un po' perchè pensavo fosse il solito romanzetto per adolescenti. Invece, dalla tua recensione, non mi sembra così superficiale...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sul fatto di leggere libri con protagonisti coetanei,di solito faccio anche io come te, ma questo pur avendo un linguaggio molto semplice, tocca diversi problemi tipici dell'adolescenza

      Elimina
  3. Ciao Angela, bella recensione ^^ Ho letto questo libro poco prima dell'uscita del film e l'ho amato, uno dei miei romanzi preferiti per ragazzi *__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao juliette! si, una lettura non banale!!

      Elimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...