mercoledì 20 aprile 2016

Recensione: L'INFILTRATO di Karin Slaughter



Un libro che è solo un assaggio di una serie poliziesca con protagonista il detective Will Trent.

L'INFILTRATO 
di Karin Slaughter


Ed. ONE
trad. S. Grieco
125 pp
5.90 euro
2015
Will Trent è il protagonista del breve racconto L'infiltrato e rientra nella serie crime a lui dedicata e che, nella storia narrata, è in servizio sotto copertura col nome di Bill Black, un pericoloso ex-detenuto.
Mentre è in una stazione di servizio, in piedi davanti a un distributore di bevande, in attesa che la sua bibita ghiacciata sia pronta, avviene una rapina.
Nel negozio ci sono, oltre a lui, la cassiera (una giovane e procace ragazza), un poliziotto appena entrato e... il rapinatore col fucile; il suo complice è nel furgone, fuori, ad attenderlo per scappare coi soldi.
Will, benchè attualmente nei panni di un delinquente, non può restarsene con le mani in mano, così - con la prontezza di riflessi e l'incoscienza che gli appartengono - fa di tutto per sventare la rapina, col risultato che l'agente viene ferito, il rapinatore ucciso e il complice col furgone viene fermato dal nostro eroe in un modo alquanto rocambolesco (in pieno stile "film d'azione americano", dove con un'auto e una moto puoi far di tutto...).
In pochi secondi accade di tutto e, tra morti e feriti gravi, a salvarsi senza un graffio, è solo la cassiera, che scompare praticamente nel nulla.
Nel corso delle indagini per capire chi siano i personaggi coinvolti, Trent, insieme alla superiore Amanda e alla collega Faith, si ritrova davanti ad un caso meno semplice di quanto era apparso all'inizio, e diviene man mano chiaro che dietro il tentativo di rapina andato male c'è una mente intelligente che ha pianificato tutto.
Ma di chi si tratta? L'introvabile cassiera è coinvolta? E l'anziana ed enigmatica donna, interrogata come testimone, che continua a mentire candidamente alla polizia, cosa c'entra col caso? Sta forse coprendo qualcuno?

Tra poliziotti non proprio onesti, loschi rapinatori e donne furbe e bugiarde, Will Trent dovrà cercare di districarsi in un labirinto di menzogne e piccole rivelazioni che gli mostreranno come nella vita nulla è come sembra e che bisogna sempre guardarsi le spalle...

Un racconto breve, che inizia con una bella scena d'azione e prosegue bagnando appena appena le labbra del lettore con un'anticchia di indagini che avrebbero potuto essere sviluppate e rese decisamente  più avvincenti, o magari inserendole in un romanzo della serie più corposo; la vera pecca di questo scritto è infatti la sua brevità, termina subito e tutto si risolve in poco tempo; certo, anche in queste poche pagine emerge la bravura dell'Autrice nel creare contesti e situazioni da crime fiction in cui non mancano i colpi di scena, ma un thriller di questo tipo lo si apprezza proprio quando è ricco e complesso nella trama, quindi non capisco l'esigenza di scrivere e pubblicare a parte questa mini indagine di Trent.

Una lettura piacevole, ma - ripeto - così breve da non dare spazio neanche a un brivido di suspense... 

2 commenti:

  1. Mi piacerebbe conoscere il detective Will Trent. Probabilmente leggerò il primo romanzo corposo che lo vedrà come protagonista :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, dev'essere una serie interessante!!

      Elimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...