martedì 27 settembre 2016

Recensione: "IL RITORNO DEL RE (The Return of The King)" di J. R. R. Tolkien



Buongiorno, lettori!
Questo martedì sul blog si apre con la recensione dell'ultimo libro della trilogia fantastica di J.R.R. Tolkien, IL SIGNORE DEGLI ANELLI.

Una saga che si colloca tra fiaba e leggenda, tra poema tragico e cavalleresco, che narrando di avventure mirabolanti in luoghi remoti e sconosciuti, in compagnia di creature fantastiche dai sentimenti umani, in uno scenario per lo più inquietante e oscuro, rende il mondo immaginario di Tolkien non troppo lontano dal nostro, perchè non c'è epoca e luogo del mondo in cui non si sia combattuta l'eterna lotta tra il Bene e il Male.

IL RITORNO DEL RE
(The Return of The King)
di J. R. R. Tolkien



Ed. Bompiani
trad. Q. Principe
489 pp
6 euro
2007
"Il coraggio sarà d'ora in poi la migliore arma di difesa contro la tempesta incombente, insieme alla speranza".

In questo terzo capitolo della saga avviene la decisiva battaglia con il Mondo delle Tenebre, succube della malvagia presenza dell'Oscuro Signore, da cui la Terra di Mezzo va liberata perchè riabbia la sua pace.

Elfi e umani, Aragorn, Gandalf e gli altri compagni si preparano per affrontare il Nemico, cercando di distrarlo da Frodo, impegnato nella difficilissima missione di distruggere l'Anello, affinchè nulla lo ostacoli e la porti a termine, per il bene di tutti.

Nel primo scontro importante, il capitano dell'esercito di Mordor viene battuto, ma ai nostri indomiti eroi resta pur sempre da affrontare il momento cruciale e finale contro Sauron.
E se è vero che in questa epica guerra tutti gli intervenuti fanno la loro parte senza risparmiarsi, è altrettanto vero che le sorti di tutto e tutti sono nella piccole mani del mezzo uomo, di Frodo, in cammino verso il Monte Fato in compagnia del fedele Sam; lì dovrà gettare nel fuoco il prezioso e terribile Anello. da tutti bramato perchè simbolo di potere, portando così a compimento la pace nella Terra di Mezzo e chiudere per sempre l'Occhio di Sauron.

Come nei precedenti libri, il mondo immaginato dall'Autore è così riccamente e magistralmente descritto da sembrarci verosimile; le descrizioni dettagliate trasmettono tutta l'inquietudine, la sensazione di pericolo e minaccia, o al contrario la letizia (ma questo lo troviamo in misura inferiore e vero la fine), legate non soltanto al luogo in sè (che nasconde di volta in volta numerose e oscure insidie), ma ancor più a ciò che di lì a poco sta per accadere.

L'ambiente ostile e cupo, dalla fitta e buia vegetazione, dai rumori sinistri che rompono il silenzio di una notte senza stelle, riflette appieno le paure, i timorosi sospetti e i dubbi dei personaggi, trasmettendo anche al lettore tutto il senso di terrore e minaccia incombente, che da un momento all'altro potrebbero manifestarsi.

Il tratteggio psicologico dei personaggi è legato alla narrazione delle loro azioni, emerge dai dialoghi; Tolkien ci rimanda il mondo introspettivo dei suoi "attori" senza lasciarsi andare a sequenze riflessive, ma ne comprendiamo la personalità attraverso comportamenti e scelte.

Ritroviamo così i piccoli Hobbit, coraggiosi e timorosi assieme: Merri, con i suoi momenti di sconforto e nostalgia; Sam, teneramente devoto verso padron Frodo, a sua volta gravato, nel corpo e nella mente, dal fardello che si porta dietro, e che soprattutto dal punto di vista emotivo lo prova, lo atterrisce, perchè l'Oscuro Potere esercita nefaste influenze su  è in qualche modo legato (e soggiogato da) all'Anello; la povera mente di Frodo è quindi combattuta tra l'avida ed irrazionale brama di possedere il magico oggetto e la consapevolezza che esso vada assolutamente distrutto.

Ammiriamo il coraggio dell'impavido re Aragorn, la bellezza dell'intrepida Eòwyn, la saggezza rassicurante, piacevolmente ironica, di Gandalf.

Il linguaggio di Tolkien ha il suo fascino, un fascino che ha il sapore delle antiche leggende, di miti sconosciuti e dimenticati, di battaglie e di eroi arditi e temerari e di nemici infernali, di gesta eroiche tramandate, elogiate e rese immortali dalle canzoni popolari.

Interessante ed illuminante l'appendice finale, che illustra genealogie, calendario della Contea, nomi e pronuncia, dando ancor di più quel tocco di verosimiglianza alla storia, che tanto desta ammirazione nei confronti della geniale fantasia di quest'Autore.
Mirabile la traduzione di Quirino Principe.

Per quanto Il Signore degli Anelli, con i suoi personaggi fantastici (elfi, nani, mezzi uomini, esseri alati laidi e viscide creature della notte...) e le sue ambientazioni favolistiche, abbia in sè elementi fiabeschi, pure non ci dona, neanche giunti all'ultimo rigo, la totale tranquillità che tutto sia finito definitivamente; c'è in tutta la sua scrittura sempre un che di decadente, malinconico, come se, nonostante tutto si stia rimettendo al proprio posto e stiano tornando pian piano l'equilibrio e l'armonia, si respiri ancora nell'aria qualcosa di indefinibile, strascichi vaghi di oscurità e inquietudine che sembrano non voler andar via.

Amore, odio, generosità, invidia, sete oscura di potere, sacrificio, bonta, malvagità, paura, coraggio, amicizia, razionalità, follia..: il poema fantastico di Tokien è questo e altro ancora, e al lettore non resta che decidere se lasciarsi risucchiare da un mondo che non c'è ma che pure, tra queste pagine, prende vita, regalandoci avventure e compagni di viaggio indimenticabili.


READING CHALLENGE
2. Un libro con più di mille pagine 

Nessun commento:

Posta un commento

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...