mercoledì 26 giugno 2019

Recensione: PSICONAUTA di Massimo Degano



Sullo sfondo di uno scenario inquietante, in cui la Terra "soffre" a causa di bruschi e pericolosi cambiamenti climatici, un gruppo di uomini sta lavorando per conoscere sempre meglio i poteri nascosti della psiche umana.


PSICONAUTA
di Massimo Degano


Intrecci Edizioni
167 pp
Giugno 2019
Siamo in un'epoca futura - non troppo lontana dalla nostra, poco più di vent'anni - in cui il nostro pianeta è devastato dai cambiamenti climatici, il che rischia di renderlo arido e inospitale.
I potenti della Terra hanno ben pensato di rispondere a questi macro-problemi attraverso la costruzione di mega strutture ("Città-Piramide"), enormi insediamenti urbani in cui accogliere man mano sempre più persone, togliendole dai propri contesti di origine.
E' forse questa l'unica strada del genere umano per sopravvivere all’estinzione?

Non tutti son d'accordo e infatti c'è che si oppone e critica aspramente questo stato di cose, e tra essi c'è un certo John Logan, studioso a capo di una setta denominata "Libero Arbitrio" e già accusato di terrorismo e spionaggio.

In questa situazione complicata incontriamo il protagonista, il giornalista Lorenzo Sisti, in procinto di dare le dimissioni per il giornale per cui lavora, ma un evento lo porterà a impelagarsi in un oscuri meccanismi che, se da una parte metteranno a rischio la sua stessa vita, dall'altra gli permetteranno di scoprire cose di sè che non conosceva.

Quando si rende conto che un suo collega (Thomas, di cui ha preso il posto al giornale) è scomparso misteriosamente, Lorenzo comincerà a indagare per capire cosa ci sia dietro quest'improvvisa e strana sparizione e cosa vogliano dire i suoi documenti sulla psicofisica.
Intanto, stringe amicizia con una ragazza, la bella Gaia, e la coinvolge nella ricerca delle risposte relative a Thomas e a chi aveva interesse a farlo fuori; ciò che però non si aspetta è che altre persone siano sulle tracce di informazioni e documenti su ciò che l'uomo aveva scoperto...

Non solo, ma la stessa Gaia - di cui si sta innamorando e la cui presenza nella sua vita, dopo diverso tempo, finalmente gli sta regalando un po' di felicità - non è chi dice di essere e Lorenzo dovrà tenere gli occhi aperti per capire di chi può fidarsi e quali oscuri interessi abbiano le persone con cui viene in contatto.

Infatti Lorenzo viene avvicinato da un gruppo di persone che, all'interno di un laboratorio segreto, portano avanti esperimenti e ricerche vòlte a conoscere e sviluppare al massimo il potenziale della mente umana.

Lorenzo si ritrova all'interno di un "mondo" fino ad allora sconosciuto di cui però aveva avuto qualche segnale attraverso sogni, tanto vividi quanto incomprensibili, che da tempo affollavano la sua mente: è il mondo degli psiconauti.
Psiconauta significa "navigatore della mente" ed è "colui/lei che utilizza gli stati alterati di coscienza intenzionalmente indotti per investigare la propria mente, trovare risposta a questioni spirituali attraverso l’esperienza diretta, migliorare la propria situazione psicologica ed esistenziale e le prestazioni cognitive nella vita quotidiana.*

Manipolazione della materia, leggere nella mente delle persone, viaggi onirici, coscienza universale, passare attraverso i muri: sono sono alcune delle straordinarie capacità di cui una persona come lui - uno psiconauta, appunto - è dotata, e a Lorenzo verrà data l'opportunità di partecipare ad un esperimento rivoluzionario, un'esperienza incredibile e che riguarda l'origine e il futuro stesso dell'umanità.

"Psiconauta" è un romanzo che unisce elementi di fantascienza e thriller; personalmente, sono piuttosto attratta dalle storie ambientate in un tempo futuro e in cui la vita sulla terra sta subendo cambiamenti naturali, sociali, politici rilevanti e sinistri; le vicende si susseguono a un buon ritmo, anche perchè i personaggi sono coinvolti in rapimenti, tentati omicidi, tradimenti e rivelazioni, in un gioco mortale dove è difficile distinguere gli amici dai nemici e dove il maggior punto di forza sta proprio nell'enigmatica figura dello psiconauta e nelle sue presunte e straordinarie capacità che gli permettono di fare esperienze ultraterrene.

Originale e interessante per trama, scorrevole la narrazione.

* https://www.dolcevitaonline.it/psiconauta/

4 commenti:

  1. Cara Angela mi sembra un po' inquietante. Buona serata.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no,non direi ;-)
      Ho letto romanzi che tratteggiavano scenari "peggiori", tipo 1984 o Il racconto dell'ancella.
      Buona serata.

      Elimina
  2. Ciao Angela, bella la trama di questo romanzo! Mi piace quando i libri parlano di futuro, di possibili evoluzioni nella società e strizzano l'occhio alle problematiche del presente.Che il nostro pianeta stia cambiando, dal punto di vista climatico, è una verità sotto gli occhi di tutti.Sinceramente non mi piacerebbe vivere in una Città-Piramide quindi, potenti della Terra,fate qualcosa per fermare la catastrofe prima che sia troppo tardi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un appello importante, il tuo, fa accogliere da parte di questi potenti che pensano di poter giocare col nostro pianeta e col nostro futuro :)
      Anche a me piace leggere questo tipo di storie, credo che, al di là dell'aspetto fiction, diano modo di riflettere ;)

      Elimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...