venerdì 24 aprile 2015

In lettura: LA RAGAZZA DI BUBE di Carlo Cassola



Non so voi, ma a me la passione per la lettura è partita in modo molto ... "semplice", quasi naturale e all'interno del percorso scolastico.
Ho sempre amato leggere e già dalle elementari  il mio libro preferito era quello delle letture, e questa preferenza si è concretizzata ancor di più alle scuole medie, periodo in cui non solo ho potuto usufruire dei libri della biblioteca scolastica, ma durante il quale ho cominciato a segnarmi tutti i titoli dei romanzi da cui erano tratti i brani antologici che più mi colpivano (anche quelli che magari non si studiavano).

Ecco, la mia personalissima lista dei libri da leggere (stilata anni e anni fa) è sempre aperta e attiva, e ancora adesso che son cresciuta ed è passato del tempo, mi ritrovo a cercare e leggere proprio quei romanzi...!
Questo "pippone" non è per annoiarvi, ma solo per dirvi che sto leggendo uno di questi libri...

Fatemi sapere se l'avete letto e vi è piaciuto!

LA RAGAZZA DI BUBE
di Carlo Cassola

La ragazza di Bube
Ed. Rizzoli

Trama

La vicenda è ambientata in Val d'Elsa all'indomani della Liberazione ed ha come protagonisti due giovani, Mara e Bube.
Mara Castellucci è una ragazza di sedici anni che vive a Monteguidi insieme al padre, comunista militante, alla madre ed a un fratello, Vinicio. 
Qui conosce Arturo Cappellini detto Bube. 
Il giovane, amico e compagno di Sante, il fratellastro di Mara morto durante la Resistenza, un giorno si reca nel paese dell'amico per conoscere la famiglia e qui avviene l'incontro con Mara. 
Tra i due giovani nasce subito una simpatia e Mara, lusingata dall'interesse del ragazzo, inizia una corrispondenza epistolare con lui.


L'autore.
Carlo Cassola nasce a Roma nel 1917; la madre è originaria di Volterra mentre il padre è lombardo, ma vissuto a lungo anch’egli nella cittadina toscana. E infatti, proprio la Toscana, in particolare la Maremma, diventerà la patria poetica e spirituale dello scrittore, che vi si trasferirà nel ’40, partecipandovi anche alla Resistenza. Pubblicò i racconti lunghi Baba (1946), I vecchicompagni (1953), Fausto e Anna (1952), tutti di argomento partigiano. Con il racconto lungo Il taglio del bosco, scritto tra il ’48 e il ’49 ma pubblicato nel 1954, la prosa cassoliana si allontana dalle tematiche storiche per assumere un tono più dimesso e intimistico, che rimarrà tipico dell’autore anche nella sua produzione successiva. Così, se Il soldato (con cui Cassola vince il Premio Salento nel 1958) tratta il tema della solitudine e dell’elegia amorosa, nella raccolta di raccontiLa casa di Via Valadier (1956) il motivo politico si colora di forti implicazioni esistenziali. In questa scia viene a collocarsi anche il romanzo La ragazza di Bube pubblicato nel 1960 ed insignito del Premio Strega. Nella produzione degli ultimi anni che, tra romanzi e racconti, si mantenne regolare e costante troviamo: Un cuore arido (1961), Il cacciatore (1964); Tempi memorabili (1966); Storia di Ada (1967); Ferrovia locale (1968); Una relazione (1969); Paura e tristezza(1970); Monte Mario (1973); L’antagonista (1978); Il ribelle (1980). 

Nessun commento:

Posta un commento

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...