sabato 11 aprile 2015

Dietro le pagine di KEEPING FAITH di Jodi Picoult



Un romanzo dell'amata scrittrice Jodi Picoult, del quale sbirceremo "dietro le pagine", alla ricerca delle idee che l'hanno ispirato.

KEEPING FAITH


10913
Aggiungi didascalia
Jodi Picoult esamina in modo brillante l'argomento della fede, dei miracoli, e la complessità del nucleo famigliare.

Quando il matrimonio di Mariah White e suo marito Colin, naufraga, la loro figlia, Faith, che ha solo 7 anni, ne è testimone.
Dopo un rapido divorzio, Mariah cade in una profonda depressione - e improvvisamente Faith, una bambino prima di un particolare background religioso, sente delle voci divine, inizia a recitare passi biblici e sviluppa delle stimmate. 
E quando le guarigioni miracolose iniziano, madre e figlia sono spinte al centro di numerose polemiche e nel vivo di una battaglia per la custodia della bimba, restando intrappolate in un circolo mediatico impazzito che minaccia quel poco di stabilità famigliare rimasta...

dietro le pagine

Ciò che leggiamo spesso è frutto della fantasia dell'Autore ma altre volte quest'ultimo trae ispirazione da storie/situazioni/persone reali, di cui ha avuto conoscenza diretta o indiretta.

La rubrica "Dietro le pagine" prende nome e idea da una presente nel blog "Itching for books" e cercherà di rispondere (cercherò di darle una cadenza settimanale, sempre in base alle piccole ricerchine che riuscirò a fare) a questa curiosità: Cosa si nasconde dietro le pagine di un libro? Qual è stata la fonte di ispirazione?".

"Un giorno, io e il mio figlio maggiore aveva cinque anni stavano giocando nel vialetto 
Lo osservavo far su e giù per una collina con la bicicletta; era un periodo in cui Kyle era pieno di domande e quel pomeriggio mi chiese: "Mamma, cos'è Dio?" 
Come molte persone. della mia generazione, la fede era un percorso difficile per me. 
Ho avuto decine di amici che erano andati in chiesa da bambini ... ma da adulti, no. Eppure volevano che i propri figli avessero una sorta di punti di riferimento religiosi, ma avvertivo come questo come profondamente ipocrita perchè finivano per frequentare per il bene dei bambini ma no per il proprio.

Ho sposato un WASP (White Anglo-Saxon Protestant), le cui origini potrebbero risalire al Mayflower. Non siamo andati in chiesa. Avevamo deciso che quando i nostri figli avessero iniziato a fare domande, avremmo entrambi dato delle nostre risposte,nella speranza che un giorno avrebbero potuto prendere la decisione di credere in qualunque cosa volevano.

Nel rispondere a Kyle, ho cercato di trovare la spiegazione più laica possibile di Dio.
"Be '," gli dissi. "Dio vive in cielo, ed Egli veglia su tutti noi, per essere sicuri che stiamo bene." Pensò a questo per un secondo. "Un po 'come una babysitter?" chiese. "Esattamente." 
Kyle aggrottò la fronte. "Ma tutte le mie babysitter," disse, "sono ragazze."
E' stata una curiosa distinzione ... ma anche intrigante. 

Ho iniziato a rimuginare su questo e mi è venuta in mente la storia di Faith White, una bambina che "vedeva" Dio immaginando questo amico speciale come una femmina. 

Non è una cosa facile scrivere di Dio. 
In primo luogo, io di certo non ho tutte le risposte. 
Secondo, si rischia di offendere qualcuno. Ho deciso di affrontare questo argomento intervistando dei religiosi appartenenti a diverse fedi. 
Ho incontrato prima con un prete episcopale, che ha raccontato di aver ascoltato ministri evangelici predicare sotto le tende, da bambino. 
Poi mi sono seduta con un meraviglioso sacerdote anziano, che aveva una curiosità e un senso dell'umorismo che ricordo ancora con affetto. 
Avevo bisogno anche di trovarmi un portavoce per la religione ebraica - e ho avuto la fortuna d incontrare una donna cresciuta cattolica, convertita al giudaismo e diventata un rabbino. Inoltre era una lesbica. 

"Ecco qualcuno che ha avuto modo di essere di mentalità aperta" ho pensato - e lo era. 
In effetti, alcuni dei miei episodi preferiti in Keeping Faith sono venuti direttamente da lei, che mi ha mostrato esempi tratti dal Talmud dove Dio ha un "taglio" femminile. 

Quando ho scritto questo romanzo, ho voluto guardare non alla religione ... ma al credere, a come possiamo essere spirituali senza essere religiosi. 
E 'terribilmente difficile parlare di religione senza classificare "noi" e "loro" in base alle credenze - ma questo è esattamente il motivo per cui ho pensato che questo libro poteva essere così importante. 

Cosa accadrebbe se scoprissimo che le cose in cui credevamo non sono poi così importanti?
O se riuscissimo a parlare con gli altri di Dio da più punti di vista?

Mi piace credere che questo mondo sarebbe migliore, più sicuro, un posto più tollerante, se queste cose accadessero.

Io ancora non ho tutte le risposte su Dio - non credo che nessuno di noi le voglia davvero, tuttavia penso che sia importante portare la discussione e ricordare che è solo una discussione, e non una lezione. "

tratto e tradotto da QUI.

Nessun commento:

Posta un commento

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...