giovedì 10 dicembre 2015

Recensione: LE CONFESSIONI SEGRETE DI MARIA ANTONIETTA di Juliet Grey



E son giunta così all'ultimo volume della bellissima e accurata trilogia storica dedicata alla regina più affascinante e chiacchierata della Storia contemporanea: Maria Antonietta, regina di Francia.


Nei volumi precedenti ("Il diario proibito di Maria Antonietta"; "Maria Antonietta. I segreti di una Regina") abbiamo seguito questa donna da quando era una bimba e poi un'adolescente inesperta e ingenua, che ha lasciato la tranquillità della propria Austria per essere scaraventata nel lussuoso e pericoloso mondo di Versailles, alla corte di Luigi XV.

Sono trascorsi ormai 20 anni da quel 1770, che la vide arrivare in Francia per sposare il delfino Luigi Augusto e diventare, insieme a lui, i sovrani della nazione francese.
Abbiamo letto come sono stati gli anni sfarzosi a corte, pieni di privilegi e ricchezza, di balli e divertimenti, come anche di preoccupazioni e chiacchiere per un erede che tardava ad arrivare; abbiamo letto delle false amicizie di cui la Regina nel tempo si è attorniata e che non hanno fatto che peggiorare la sua reputazione agli occhi di un popolo sempre più ignorato ed affamato, prostrato da tasse e quant'altro, che andavano ad impinguare le casse dello stato a scapito di una nazione che, a un certo punto, non ce l'ha fatta più.

Ed arriviamo dunque a...:

LE CONFESSIONI SEGRETE DI MARIA ANTONIETTA
di Juliet Grey 


Ed. Newton Compton
trad. L. Rodinò
384 pp
9.90 euro
il libreria:
7 MAGGIO 2015
La Rivoluzione è iniziata già da un po'.
Il 14 luglio c'è stata la presa della Bastiglia e successivamente un'orda di francesi (donne in particolare), che chiedevano pane per i propri figli e per sé, assale la corte di Versailles: le cose si mettono male per i sovrani e leggiamo tutto il terrore di una donna, moglie e madre apprensiva e preoccupata, che comprende di essere principalmente lei l'oggetto dell'odio popolare e di come questo metta in serio pericolo la vita della famiglia reale.
Quest'ultima è quindi costretta a lasciare la corte e a trasferirsi al Palazzo delle Tuileries, a Parigi (siamo nel 1789), ma tempo dopo, ancora una folla inferocita prende d'assalto anche questa dimora reale, ammazzando chiunque capiti a tiro.
I sovrani, con i loro figli - la 13enne Maria Teresa e il settenne Luigi Carlo -, fuggono in tempo, evitando un vero e proprio regicidio barbaro, e trovano temporaneamente rifugio presso l'Assemblea Nazionale, per essere poi confinati nella Tour du Temple, un antico monastero dei Templari, allora adibito a carcere.

In tutte queste traversie, balza agli occhi tutta la paura di questa donna poco più che trentenne che è costretta a realizzare, meglio e prima del suo buon marito, che la monarchia è davvero crollata.
Non solo, ma ha imparato a riconoscere chi potrebbe essere ancora dalla loro parte:

"Le difficoltà mi insegneranno la prudenza: è in momenti come questi che si impara a conoscere le persone e a discernere infine la differenza tra coloro che sono o non sono davvero devoti".

La Francia è in mano a gente che pare impazzita, ingloriosa, assetata di sangue e vendetta, che ha in testa solo il pallino di farla pagare a tutta l'aristocrazia e, in primis, alla famiglia reale, che ha succhiato il sangue per anni e anni al popolo, non considerando le esigenze del Terzo Stato, le richieste e il malcontento, e ciò che per decenni è stato negato con le buone, ora viene preso e preteso con la forza.
Una forza spaventosa, sanguinaria, che non tiene conto nè delle donne nè dei bambini, di nulla e nessuno, ma che vuole soltanto spazzare via tutto ciò che ha a che fare con il tiranno, con l'oppressione costituita dalla monarchia e per farlo è disposto a diventare... una bestia.

"L'albero della libertà deve essere annaffiato con il sangue dei tiranni".

Leggere dei momenti che hanno visto i sovrani terrorizzati alla presenza di una folla di parigini infuriati oltre ogni dire, pronti a sgozzare tutti, con la bocca piena di insulti osceni, mi ha fatto rabbrividire.
Non ho potuto fare a meno di riflettere su una cosa, che forse potrà essere scontata e banale: spesso, quando oggigiorno ci guardiamo attorno e prendiamo tristemente atto delle cattive condizioni socio-politico-economiche in cui versa da anni la nostra Italia (mi soffermo volutamente solo sul nostro Paese), sentiamo dire: "Ci vorrebbe una bella rivoluzione, così forse toglieremmo di mezzo questi politici che pensano solo a riempire le loro tasche dissanguando la povera gente!".
A voi è mai capitato di sentire frasi del genere? A me sì, e succede di pensare: "Eh effettivamente, dovremmo darci una svegliata!".

Ma leggendo delle brutture che hanno caratterizzato  la rivoluzione francese, di come un popolo guidato dalla rabbia incontrollata e incontrollabile sia preda della stessa e non riesca a condursi in modo razionale, mi ha fatto esclamare: "E questa sarebbe una rivoluzione che potremmo mai invocare per noi e il nostro Paese? Questo genere di barbarie è ciò che mi auspicherei per un eventuale cambiamento in meglio per noi italiani?".

La Rivoluzione Francese è un evento incredibile, che ha portato sconvolgimenti notevoli e radicali all'assetto socio-politico della Nazione, ma... a quale prezzo?
Come dimenticare il Regime del Terrore e tutto ciò che esso ha significato per la Francia stessa?
Il prezzo della libertà, dell'uguaglianza... è stato salatissimo e ha visto le strade parigine imbrattarsi di tanto sangue, anche innocente.
Mi rendo conto che è un argomento complesso e che le mie riflessioni possono sembrare demagogiche o semplicistiche, visto che quando accadono insurrezioni e moti di tale entità c'è poco da fare i sentimentali e, forse - ma lo dico sussurrando - la crudeltà e la ferocia diventano le vie necessarie per raggiungere determinati scopi.
Può darsi..., ma è tremendo ugualmente e ho provato molta pietà per quanti hanno subìto un triste e macabro destino a motivo del loro ceto sociale o perchè realisti.

Tornando a Maria Antonietta: viviamo con lei il tormento di una madre e moglie che va incontro al suo tragico destino, e che - strada facendo - ha cercato di sfuggirgli, aggrappandosi alle promesse di quanti sarebbero stati in grado di aiutare la famiglia reale a fuggire dal suolo francese.
Penso all'amante e amico fedele, Axel von Fersen, in particolare, e a come egli sia stato - fino a quando ha potuto - un punto di riferimento per la Regina; un uomo col quale lei ha cercato di ritagliarsi attimi di felicità, anche se...:

"il concetto di felicità appartiene ormai al passato... qualunque cosa ci riservi il futuro. Siamo stati testimoni di troppo orrore e spargimento di sangue per poter essere nuovamente felici".

La Storia dice che, nei mesi che fu imprigionata nella Tempio, la Regina fu una moglie affettuosa e una madre esemplare, e dalle righe di questo romanzo viene fuori, tra le altre cose, questo aspetto.

Ci sembra di non riuscire neanche più a ricordare la giovane austriaca dagli abiti sfarzosi, il sorriso incantevole, le acconciature incipriate e appariscenti..., ma ciò che vediamo è una donna di 36 anni con i capelli bianchi - e non per la cipria! Non sono più quei giorni. -, gli occhi colmi di lacrime, il sorriso spento, tragicamente consapevole di quanto la sofferenza di tanti francesi - marito e figli compresi - sia imputabile soprattutto al disprezzo di tutti per lei.

Al racconto in prima persona di Maria Antonietta si alterna la voce esterna di una donna, la scultrice Louise Chabron, che pur partecipando alle iniziative rivoluzionarie, non ne condivide totalmente princìpi ed in particolare l'odio e il furore irrazionale che guidano i suoi concittadini.
La crudeltà, lo spettacolo osceno di essa, fa rabbrividire anche lei e un sentimento di pietà per il re e la regina si fa strada nel suo cuore.

Accurato da punto di vista storico, scritto con molta fluidità e scorrevolezza, mai pesante, capace di mettere a fuoco questa donna, che è stata Donna, Madre e Moglie prima ancora che Regina frivola e altera,  i suoi sentimenti, la consapevolezza dei propri errori... e quella ancor più triste di come ad essi non ci fosse più modo di porre rimedio, giunti a un certo punto.

Consiglio tutta al trilogia e chiaramente soprattutto a quanti, come me, amano il romanzo storico; ritengo che questi tre libri siano scritti benissimo e che diano un quadro articolato e fedele degli avvenimenti che hanno portato alla Rivoluzione, cosa l'ha caratterizzata, dandoci il punto di vista della Regina - principale artefice o vittima di tutto questo? - senza però santificarla, ma rendendola per ciò che era: un essere umano, con difetti e virtù.

Nessun commento:

Posta un commento

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...