domenica 29 maggio 2016

Frammenti di... IL LAGO DEL TEMPO FERMO



Un passaggio molto bello tratto dal libro in lettura IL LAGO DEL TEMPO FERMO di Laura Bonalumi.

- Ma tu credi davvero che basti una faccina sorridente per dire che sei felice?
– No, non credo – mi risponde.
– Come si fa a esprimere un’emozione attraverso un disegnino?
– Infatti, non la esprimi, la scegli tra quelle che ti offre il menu del tuo cellulare.
– …e magari non sai neppure se veramente quella faccina rappresenta quello che provi. Insomma, Yuki, un’emozione non funziona così!
– No, però ti confezionano la lista!
-
– È un po’ triste… Ma per te che cos’è davvero un’emozione?
– Ehi! Ma che domande fai? – esclama lui.
– Be’, l’hai detto tu che quando guardi la Luna ti emozioni.
– È vero, ma l’ho detto solo a te!
– Be’, puoi continuare a dirmi tutto quello che vuoi… io non rido, non ti prendo in giro e non ti giudico.
– Sai, Viola, per me emozionarsi non vuol dire essere deboli e fragili. Un’emozione è come una scossa di energia che ti attraversa il corpo; è una lacrima che arriva a dirti che qualcosa ti ha reso felice o ad avvisarti che qualcuno, magari involontariamente, ti ha ferito.
– Poi? –. Mi piace stare ad ascoltarlo.
– Cosa sente il tuo cuore quando guardi il cielo e lo scopri decorato di brillanti? Io provo una grande  emozione.
– Tu parli la mia lingua, Yuki, e questa, per me, è una delle emozioni più grandi.
– Sì, anche per me. Non credevo di poter trovare qualcuno con cui parlare di quello che mi piace, di quello che sogno o desidero.

Nessun commento:

Posta un commento

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...