mercoledì 4 maggio 2016

Prossima lettura: OPEN. La mia storia di Andre Agassi



Prossimo libro in lettura:

OPEN. La mia storia
di Andre Agassi



Ed. Einaudi
trad. G. Lupi
512 pp
14 euro
2015
Sinossi

«Odio il tennis, lo odio con tutto il cuore, eppure continuo a giocare, continuo a palleggiare tutta la mattina, tutto il pomeriggio, perché non ho scelta... Continuo a implorarmi di smettere e continuo a giocare, e questo divario, questo conflitto, tra ciò che voglio e ciò che ettivamente faccio mi appare l'essenza della mia vita...»
Andre Agassi

Uno dei piú grandi campioni di tennis di tutti i tempi si racconta senza pudore in un memoir che ha fatto scalpore nel mondo, non solo in quello del tennis, ed è diventato un caso editoriale senza precedenti.

Un padre ossessivo e brutale che lo vuole numero uno al mondo a ogni costo. Gli allenamenti a ritmi disumani, contro il «drago» sputapalle. La solitudine assoluta in campo che gli nega qualsiasi forma di gioventú.
E poi una carriera da numero uno lunga vent'anni e 1000 match. Punteggiata da imprese memorabili ma anche da paurose parabole discendenti. Con l'avversario di sempre: Sampras.
E chiacchierati matrimoni: Brooke Shields e Steffi Graf.
Una vita sempre sotto i riflettori. Ma non senza dolorosi lati oscuri.


L'autore.
Andre Agassi ha giocato a tennis come professionista dal 1986 al 2006 ed è stato a lungo numero uno del tennis mondiale. Ha vinto otto tornei del grande Slam ed è l'unico tennista al mondo ad aver vinto un Golden Slam, cioè i quattro tornei del Grande Slam piú l'oro olimpico. Attualmente vive a Las Vegas con la moglie, Stefanie Graf, e due bambini. Per Einaudi ha pubblicato il memoir Open (Stile Libero 2011 e Super ET 2015).



Di solito a me piacciono le (auto)biografie, anche se questa di un tennista probabilmente non l'avrei scelta tanto facilmente; ma è il libro che ha avuto più preferenze
 e che è stato proclamato "libro del mese" 
nel Club di lettura su Fb cui sono iscritta.
Sono curiosa di cominciarne la lettura! :)


CONOSCETE QUESTO LIBRO? 
LO AVETE LETTO?
LO LEGGERESTE?

Ed ecco l'epigrafe riportata:

Non si sa sempre riconoscere che cosa è che ti rinchiude, che ti mura vivo, che
sembra sotterrarti, eppure si sentono non so quali sbarre, quali muri. Tutto ciò è
fantasia, immaginazione? Non credo, e poi uno si chiede: «Mio Dio, durerà
molto, durerà sempre, durerà per l’eternità?» Sai tu ciò che fa sparire questa
prigione? È un affetto profondo, serio. Essere amici, essere fratelli, amare
spalanca la prigione per potere sovrano, per grazia potente.

VINCENT VAN GOGH, Lettere a Theo


Il significato del termine epigrafe al quale mi rifaccio è quello dato dalla Treccani.it
"Iscrizione in fronte a un libro o scritto qualsiasi, per dedica o ricordo; più particolarm.,
citazione di un passo d’autore o di opera illustre che si pone in testa
a uno scritto per confermare con parole autorevoli quanto si sta per dire

ANCHE IL LIBRO CHE STATE LEGGENDO VOI 
HA UNA CITAZIONE INTRODUTTIVA O UNA BELLA DEDICA?

2 commenti:

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...