lunedì 31 ottobre 2016

Recensione: "BRIDGET JONES'S BABY. I diari" di Helen Fielding





E fu così che anche per Bridgdet arrivò il momento di diventare mamma!

Ma parliamo dell'esilarante Jones e questo evento meraviglioso non può accadere in modo "normale", bensì è accompagnato dalle solite situazioni buffe e assurde che solo lei è capace di creare/vivere, pasticciona com’è. E di nuovo ritroviamo il triangolo amoroso con il superficiale Daniel Cleaver e il serioso ma profondo Mark Darcy.
Chi impianterà le proprie definitive radici nel cuore della Jones... e di suo figlio?


BRIDGET JONES'S BABY. I diari
di Helen Fielding


Ed. Rizzoli
240 pp
18 euro
9.99 euro
OTTOBRE 2016

Bridget Jones  è ormai vicina ai 40 e continua a risentire dei commenti non sempre carini a suo carico: ma come, stai diventando "vecchia" e ancora non ti decidi a fare un bambino?
Ma con chi "lo fa" sto bambino, Bridget, se già da un po’ di tempo è rigorosamente single?

Da quando Mark l’ha mollata, per averla trovata in atteggiamenti fraintendibili con l’eterno rivale, il cialtrone Daniel, la nostra Bridget si è data anima e corpo alla carriera, lavorando per la nota trasmissione Buon pomeriggio.
Menomale che a salvarla dalla depressione ci sono gli Amici, dagli inossidabili single come Shazzer e Tom, a Magda, moglie (tradita) e mamma di bambini vivacissimi.

Ma il destino non ha smesso di giocare con la vita della nostra eroina che, durante una festa, si ritrova a trascorrere una notte di sesso con Darcy, che però sparisce il giorno dopo, roso dai sensi di colpa.
Arrabbiata con Darcy, Bridget si lascerà andare, qualche giorno dopo, ad un’altra notte di sesso… con Cleaver!

Dopo poco tempo, comincia ad accorgersi che i jeans non le vanno più; si decide a fare il test di gravidanza e scopre di essere incinta; ovviamente non sa di chi è il bimbo, perché ha avuto rapporti con entrambi a pochissimi giorni di distanza.

Da questo equivoco nascono tutta una serie di situazioni divertentissime e molto buffe, in cui Bridget tira fuori tutta la sua natura insicura, il suo lato pasticcione, la sua paura di restar sola a gestire la gravidanza e il bambino quando nascerà, anche se ci sono momenti – soprattutto grazie al saggio e comprensivo padre – in cui si convince che ce la farà a far tutto anche senza la presenza del padre del nascituro.

A proposito del padre, la gara tra Darcy e Cleaver è aperta nuovamente, e il primo pare soccombere davanti all’arrogante sicurezza del secondo, che è convinto di essere il papà del piccoletto perché tanto si sa che “i soldatini di Darce fanno cilecca”.

I momenti in cui i due uomini si ritrovano all’ospedale, al cospetto di una quasi del tutto matta dottoressa Rawlings sono davvero spassosi, ma tutto il registro, linguistico compreso, del romanzo è esilarante.

Molto vivaci anche i momenti trascorsi dalla protagonista con i suoi folli amici, che si premurano di darle consigli ma nel loro classico modo confusionario e sempre molto sulle righe; oltre ai problemi amorosi, Bridget deve vedersela anche con qualche grana sul posto di lavoro, a causa di un capo esigente e poco normale; ma del resto, trovatemi un personaggio sano di mente nell'universo Jones!
Ritroviamo anche la mamma di Bridget, frivola e sempre ossessionata dalle apparenze, dai pettegolezzi e, attualmente, dal desiderio di conoscere la Regina e sederle accanto.

La forma del diario mi piace molto, ti fa entrare in empatia con Bridget, i cui altalenanti stati d'animo e i cui pensieri scorrazzano liberamente intrecciandosi e trasmettendo tutta l’ansia, i dubbi e i timori di questa donna che vorrebbe essere libera e indipendente ma che poi non riesce ad ignorare del tutto i commenti acidi e inopportuni delle persone sulla sua vita, sul suo girovita e, adesso, anche sull'imbarazzante situazione di non sapere la paternità del bimbo che le sta crescendo dentro.

Ma Bridget è un portento, alla fine non la affossa nessuno e il suo essere così mattacchiona, sorprendentemente tenerona, spontaneamente imbranata, deliziosamente autoironica, la rende "una di noi", ci piace così com'è, non c'è niente da fare.
Così anche stavolta l’Autrice ci regala una favola-commedia piena di gag e momenti simpaticissimi, in cui la risata è d’obbligo.

Sono curiosa di vedere il film, credo si prospetti anch’esso molto divertente.

Ma intanto non posso che consigliarvi di tuffarvi in questo quarto appuntamento della serie avente per protagonista una delle donne letterarie più amabili che ci sia.

6 commenti:

  1. Nel terzo ha ucciso Darcy, in quest'altro l'ha resuscitato, e nel film c'è il tizio di Grey's Anatomy al posto di Hugh Grant. Che confusione, oh! Ed è una commedia romantica, mica Inception. Aspetto di vedere direttamente il film, perché è un genere che in poltrona tollero di più :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. povero Darcy, come ha fatto a risorgere? Roba da Beautiful o.O

      Si, ho visto che nell'ultimo film Hugh Grant non c'è!
      Io non ho letto i precedenti, solo questo e mi ha divertito ;)
      anche io ho intenzione di vedere il film :-D

      Elimina
    2. La Fielding si è accorto della stronzata, anche perché il terzo libro (quello vero) l'ha acquistato più o meno solo lei, e ne ha scritto una versione alternativa. Bah!

      Elimina
    3. ahhhhh ecco!
      beh ma pure lei, che cavolo fai morire darcy?
      avrà capito che era una cavolata, forse ha fatto bene a cambiare idea :-D

      Elimina
  2. Ciao Angela, anche a me sta molto simpatica Bridget :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh si, dai, quanto a simpatia non la batte nessuno ;)

      Elimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...