mercoledì 7 maggio 2014

Happy Birthday, Robert!!



A chi facciamo gli auguri virtuali, quest'oggi?

A un poeta inglese, tale...

Robert Browning
(7 maggio 1812 - 2 dicembre 1889)



Eppure tu m'amerai
Eppure tu m'amerai — posso aspettarti
La crescita del tuo amore si protrae:
Giugno ha allevato i fiori che tu porti
Dalle sementi della semina d'aprile.

Ora pianto alcuni semi colmi di affetto
Almeno è sicuro che colpiscano,
E germoglino—ciò che non coglierai certamente,
Non amore, ma, forse, apprezzamento.

Guarderai almeno ai resti dell'amore
Di un cimitero, l'unica viola
Il tuo sguardo? — vale mille volte il dolore.
Cos'è la morte, se tu m'amerai!

Poeta e drammaturgo inglese, esponente della letteratura vittoriana, ma appassionato anche di pittura, scultura e musica; è noto soprattutto per i suoi monologhi drammatici, intensi e poetici come pochi.
browning

La passione per la letteratura e per l'arte in genere la deve alla propria famiglia. Primogenito di Robert e Sarah Wiedemann, il futuro poeta nasce in un contesto molto agiato, economicamente parlando, per giunta arricchito da influenze letterarie e artistiche notevoli, grazie proprio ai genitori. Il padre, importante bancario della Banca d'Inghilterra, gli fornisce una biblioteca vastissima, pari a 6.000 titoli, da cui il piccolo Robert attinge sin da subito, tanto da diventare una specie di "bambino prodigio".

Nel 1833 Robert Browning pubblica, a spese della propria famiglia, senza firmarlo, il suo primo lavoro. Si tratta di un lungo poema autobiografico, dal titolo "Pauline: frammento di una Confessione". Il libro, incentrato sui conflitti del poeta, alter ego evidente dell'autore, non ottiene alcun successo.
Due anni dopo scrive il suo secondo poema, esito delle proprie letture oscure, dal titolo "Paracelsus".
Al 1837 risale la sua prima tragedia, d'afflato storico, dal titolo "Strafford".
Nel 1842 si dedica alle sue "Poesie drammatiche", nelle quali compaiono i suoi celebri monologhi, e tre anni dopo è la volta di "Romanzi e liriche drammatiche", ad oggi ritenuto uno dei suoi migliori lavori, anche se il su capolavoro è "L'anello e il libro", lungo e ambizioso poema in versi sciolti.
elizabeth

Celebre è la sua appassionata storia d'amore con Elizabeth Barrett.


«Amami solo per amore dell’amore, che cresca in te, in un’eternità d’amore!»

«Ti amo entro la sfera delle necessità quotidiane, alla luce del giorno e al lume di candela.»


tratto da: http://biografieonline.it/

Nessun commento:

Posta un commento

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Si è verificato un errore nel gadget

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...