venerdì 24 agosto 2012

ROSSI FIORI DEL TIBET di Alai (Narrando l'Oriente)



Per la rubrica sui romanzi e gli scrittori orientali, oggi tocca ad un autore tibetano: Alai, che vive in Cina, scrive in cinese e ha all'attivo numerose raccolte di racconti; il suo primo romanzo è quello che presentiamo oggi, pubblicato nel 1998: Rossi fiori del Tibet.

Rossi fiori del Tibet
Ed. Rizzoli
Collana Bur Scrittori contemporanei
500 pp
8.80 euro
2004
Sinossi Nel Tibet dei primi decenni del Novecento, dove il potere è detenuto dai pochi signori feudali che controllano la coltivazione e il traffico dell'oppio, si snoda la saga della dinastia Maichi.
A raccontarla è l'ultimo discendente della famiglia, un giovane ritenuto idiota, e come tale disprezzato e ignorato da tutti, che sa osservare cose e persone con un occhio ingenuo ma allo stesso tempo straordinariamente acuto.
E tra rivalità familiari, lotte di potere, amori e sconfitte, la storia della dinastia diventa allo stesso tempo la storia del paese e del tramonto di un mondo. 
Un paese fiabesco e lontano da ogni stereotipo, in cui bellezza e violenza si uniscono in un nodo inestricabile, crudele e affascinante.

Questo romanzo, forse il primo esempio di "realismo magico" tibetano, è per il suo paese quello che i romanzi di Gabriel García Márquez sono stati per la Colombia. 
The Los Angeles Times

Nessun commento:

Posta un commento

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...