martedì 13 maggio 2014

Le donne nella letteratura che abbiamo amato di più



Su Vanity Fair, c'è un articolo che, trattando il tema del pregiudizio e della discriminazione, lancia questa domanda:

«QUAL È o QUALI SONO LE DONNE DELLA LETTERATURA
CHE AVETE AMATO DI PIÙ? »

Prima di condividere con voi le risposte date da alcuni personaggi importanti, vi dico le mie "donne della letteratura".
Sono curiosa di leggere quali sono i personaggi femminili letterari che preferite!!


rossella

ROSSELLA O'HARA di Via col vento, per la sua forza, il suo carattere volitivo, le sue contraddizioni.

CATHERINE EARNSHAW, di Cime tempestose: volubile, capricciosa, così delicata di salute quanto ruvida e forte nell'animo, tanto da tener legata a è per sempre uno spirito inquieto e malvagio come Heathcliff.

GIULIETTA CAPULETI di Shakespeare: l'amore giovane ma tragico, che trapassa la morte.

giulietta
TESS DEI D'URBERVILLE di Thomas Hardy: pura e innocente nell'animo, e tale è rimasta nonostante nel suo corpo, rispetto al gretto e chiuso pensiero di chi la circonda, sia stata "sporcata" dalla cattiveria di un certo tipo di uomini....!

GIOVANNA, la papessa di Donna W.Cross: ha combattuto contro tutto e tutti per raggiungere i suoi obiettivi, non lasciando che i tempi buii in cui è vissuta condizionassero la sua vita.

Ce ne sono altre, ma queste son quelle che mi son venute in mente prima ^_^

Ed ora altri pareri, più autorevoli dei miei:=)

ROSSANA CAMPO:
Molly Bloom dell’Ulisse di James Joyce (1922), per il suo amore per la libertà

DONATO CARRISI:
Norma Bates di Psycho di Robert Bloch (1959). “Perché così come la mamma ti fa, la mamma ti disfa”.

GLENN COOPER:
Scout, la bimba di Il buio oltre la siepe di Harper Lee (1960): "’innocenza che cerca di trovare un senso alla diseguaglianza".

PIERO DORFLES:
Micòl de "Il giardino dei Finzi-Contini" di Giorgio Bassani (1962): sfuggente, meravigliosamente snob, immatura, inarrivabile, misteriosa.

WULF DORN:
Lady de Winter di "Rebecca" di Dafne du Mauriers (1938), per il suo amore incondizionato per il marito.

VITO MANCUSO: Sophia, personificazione della sapienza, dalla Bibbia.

CLARA SÁNCHEZ:
Anna Karenina, la fragile e complessa protagonista del romanzo di Lev Tolstoj (1877).

ANDREA VITALI: Galadriel, la regina degli Elfi ne "Il Signore degli anelli" di Tolkien (1954), capace di leggere nel pensiero di chi le è davanti.

2 commenti:

  1. Tra i personaggi femminili della letteratura che ammiro scelgo Elizabeth Bennett protagonista femminile di "Orgoglio e pregiudizio". Donna intelligente, vivace e sensibile.

    RispondiElimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...