lunedì 30 luglio 2012

Recensione: IL CONTE DI MONTECRISTO (A. Dumas)




Ed eccomi alla recensione del  bellissimo classico di Dumas padre: IL CONTE DI MONTECRISTO (QUI per la scheda)!!!

 border=
Edizioni Rizzoli
Collana Bur Grandi Romanzi
1200 pp
12.90 euro
Anno 2012
Mentre leggevo IL CONTE DI MONTECRISTO, e soprattutto dopo averlo terminato, non ho potuto evitare di pensare al calibro di Dumas come scrittore, come narratore di una storia assolutamente avvincente.
Avvincenti sono i personaggi, a cominciare da lui, da Edmond Dantès, la cui vita subisce una trasformazione incredibile: da ingenuo e buon ragazzone di 20 anni a uomo dai mille volti e identità (agli occhi degli altri), ma in realtà dietro a quei tanti "abiti" si nasconde un solo cuore, un'unica anima ferita in cerca della "vendetta perfetta", che dia finalmente, anche se dopo tanti anni, la "pace" e la consapevolezza che nella vita è necessario aspettare e sperare per poter alla fine arrivare alla felicità tanto agognata.

Il romanzo di Alexandre Dumas padre, tipico esempio di romanzo d'appendice dell'800, si caratterizza per la ricchezza di particolari, con il pregio di non essere però mai eccessivamente prolisso o noioso; pur descrivendo dettagliatamente, infatti, luoghi, fatti e persone, il romanzo non perde dinamicità e tutto va ad incastonarsi nella narrazione in modo armonioso, in un crescendo di colpi di scena, intrighi e misteri svelati che tengono costantemente viva l'attenzione del lettore.

Attorno a Montecristo ruotano molti personaggi, ognuno con la propria personalità , ben presentata dall'Autore: ci sono coloro che hanno avuto la loro parte (infame) nel determinare l'infelicità di Dantès; ci sono gli amici o i loro parenti, che invece incontreranno il favore e il rispetto del nostro eroe; troviamo figure arroganti, prevaricatrici, piene di sè, arrampicatori sociali, esseri superficiali, vili, imbroglioni, ma anche personalità piene di dignità, riconoscenza, dolcezza, coraggio, cultura ed intelligenza. 
Ed ogni volta, in presenza di queste anime tristi o nobili, Montecristo adegua la propria condotta; non è un vendicatore cieco e spietato, ma un uomo che sente il "peso" di una missione che Dio stesso gli sta permettendo di compiere, per rendere a giusti ed ingiusti la retribuzione delle proprie azioni.

Dantès è un uomo affascinante, non solo perchè avvenente, aitante, dallo sguardo magnetico, dai modi gentili, ma anche perchè, già ad una prima occhiata, chiunque lo vede (maschio o femmina che sia) non può non provare una qualche forma di soggezione di fronte a tanta sicurezza di sè, fierezza, contegno, unite alla ricchezza, alla saggezza, alla vasta cultura.
Edmond Dantès, nella persona del conte di una sperduta isola dell'arcipelago toscano, è un eroe d'altri tempi, fedele a se stesso, ai propri principi, e fedele alle persone che ama, che lo amano e per le quali farebbe qualsiasi cosa.
Ammirevole il personaggio dell'abate Farìa, uomo avanti negli anni, pieno di scienza, ingegno, cultura, forza
chateau d'if
di volontà, memoria, pazienza: tutte qualità che trasmette al proprio "discepolo", prigioniero come lui nel
Sarà proprio l'abate Farìa a dare al giovane e rassegnato Edmond la spinta per riacquistare non solo la libertà ma prima di tutto la propria vita, per essere padrone di essa, potendo decidere quale direzione e senso darle; non solo, ma divenendo - grazie all'immensurabile "eredità" lasciatagli proprio dall'abate - un uomo potente (e non parlo solo delle ricchezze materiali, ma anche dello "spessore umano" che apparterrà a Montecristo, uomo camaleontico, venuto da chissà dove... ma che incute, abbiamo detto, un senso di rispetto e timore...) che architetterà un piano col quale dirigerà i destini di quelle persone che gli hanno fatto del male, coinvolgendo, ahimè, anche "vittime" innocenti, fatto che colpirà la coscienza di un'anima sensibile ed elevata qual è quella di Dantès.

Che dire?
Entusiasta di  questo autore francese, un romanziere assolutamente di 1° livello, per quel che mi riguarda, con una fantasia e un'abilità narrative di tutto rispetto, capace di tessere trame e vicende intrecciate a meraviglia; rapita dal fascino di Edmond, personaggio complesso psicologicamente, affascinante, la cui evoluzione seguiamo passo passo e che ce lo rende sempre meno "umano" e sempre più "leggendario" e, proprio per questo, indimenticabile.
L'interesse per la lettura non è mai calato, nonostante non sia proprio un romanzo breve!
Un classico intramontabile, da leggere e gustare pagina dopo pagina.
CONSIGLIATISSIMO!!!

Nessun commento:

Posta un commento

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...