mercoledì 13 novembre 2013

Cito e canto... "Hotel California"



Ed eccoci a una delle canzoni cantate a squarciagola in auto nella loro esperienza on the road, da Andrew e Camryn, ne "Il confine di un attimo".

«Allora, Hotel California, eh?» mi annuncia, sorridendo verso di me.
Vedo che gli sono spuntate due profonde fossette sulle guance.
Si allunga e tocca il pulsante per scegliere un altro cd, poi lo tiene
premuto finché non arriva alla canzone. «Vediamo se sai le parole.»
La sua mano torna sul volante.
La canzone comincia proprio come me la ricordavo,
con quell’inquietante giro di chitarra, lento e ipnotico.
Ci guardiamo a più riprese, lasciando che la musica scorra tra noi,
in attesa che attacchi la voce.
Poi, contemporaneamente,
alziamo le mani come dovessimo bussare in aria, uno, due, tre a tempo,
e cominciamo a cantare insieme a Don Henley.
Ci immergiamo nella canzone con tutta l’anima, verso dopo verso;
lui mi lascia cantare una parte e viceversa.
Quando arriva il primo ritornello lo intoniamo in coro a pieni polmoni,
praticamente urlando le parole contro il parabrezza.
Strizziamo gli occhi e muoviamo la testa
e io fingo di non vergognarmi di essere stonata.
Ecco che arriva la seconda strofa;
il nostro alternarci comincia a essere leggermente ingarbugliato,
ma ci divertiamo come pazzi e incespichiamo solo un paio di volte.
Urliamo forte, all’unisono, 1969!
Poi ci passa un po’ la voglia di cantare
e lasciamo che la musica riempia la macchina.
Ma quando arriva il mitico secondo ritornello
e la canzone rallenta e diventa più intensa torniamo seri e
cantiamo ogni parola insieme, guardandoci dritto negli occhi.
Andrew grida alibis! in modo così perfetto
che mi viene la pelle d’oca.
E all’ultima strofa “pugnaliamo la bestia”
sferrando pugni in aria.
Il viaggio prosegue senza meta per un tempo indefinibile.
Canto così a lungo insieme a lui che alla fine mi fa male la gola.



So I called up the Captain, 'Please bring me my wine'
He said, 'We haven't had that spirit here since 1969'
And still those voices are calling from far away
Wake you up in the middle of the night
Just to hear them say....

Welcome to the Hotel California
Such a lovely Place (such a lovely face)
They livin' it up at the Hotel California
What a nice surprise, bring your alibis.

Nessun commento:

Posta un commento

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Si è verificato un errore nel gadget

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...